Please select featured categories (for slider) in "Land" admin panel. You can select as much categories as you want.

Salvatore Garau, arriva la testa dell’Anguilla di Marte

190

Written by:

L’artista sardo Salvatore Garau, uno dei protagonisti della contemporary art internazionale, ha terminato un’installazione di 7 metri d’altezza e 3 tonnellate di ferro battuto, chiudendo un progetto iniziato 11 anni fa, quando aveva inaugurato a Santa Giusta (in provincia di Oristano), dove è nato, “Anguilla di Marte”, una scultura di 12 metri, che raffigurava appunto la coda del pesce. Ora all’anguilla spunterà la testa, che sarà collocata in un luogo ancora segreto, ma non lontana dal resto del corpo. E’ possibile, comunque, recarsi presso il laboratorio del fabbro Stefano Piga e vedere alcuni dettagli dell’opera tanto attesa.

La nuova scultura è stata realizzata in due parti che stanno per essere smaltate e saldate. Raffigura una bocca aperta che addenta due teste elleniche del II secolo avanti Cristo, perfette copie del Satiro scoperto sotto la laguna sarda durante gli scavi diretti nel 2009 da Del Vais e Sanna.  «La testa dell’anguilla ha vagato per 11 anni sotto una terra ricca di storia e civiltà», racconta il Maestro sardo, «adesso spunta nervosa, tenendo tra i denti tracce del nostro passato, quasi a voler metterci in faccia chi siamo stati e a ricordarci da dove veniamo: La nostra è stata terra di commercio, di ricchezza e di incontro di tanti popoli».

Garau aveva deciso di realizzare la testa solo quando, tre anni fa, si era trovato di fronte alla ceramica del Giovane Satiro. In quel momento è nata l’idea e il desiderio di realizzare la scultura, dandogli non solo un senso che rispetta il genius-loci, ma anche aprendo l’opera a una lettura che si presta a nuove interpretazioni. 

Conclude Garau: «l’Anguilla di Marte è un’opera che ha il compito di rammentarci che dimenticare le nostre origini è un’offesa al nostro presente che sta già diventando futuro».

Condividi:

Continue reading

Four Seasons hotel Milano riprende il sunday brunch con il “Lead with care”

837

Written by:

“Dal 20 settembre siamo entusiasti di poter di nuovo offrire il nostro brunch domenicale” afferma la general manager Andrea Obertello, forti anche del protocollo “Lead with care”. Di cosa si tratta? Un programma che garantisce sicurezza assoluta ai clienti e al nostro persoonale, aggiornato con le ultime disposizioni sanitarie stilate dal Ministero della salute nella lotta al contrasto del COVID-19″.

E aggiunge: “Tutto il nostro team ha lavorato per continuare a garantire la stessa atmosfera che ha reso il nostro brunch così tanto amato, e “l’experience” rimarrà del tutto invariata”.

Il brunch domenicale invita quindi a trascorrere ore di relax con i propri cari, gustando piatti caratteristici della tradizione del “Made in Italy” curati dal nostro chef Fabrizio Borraccino”, che include primi piatti, selezione di salumi e formaggi, arrosti, gelati artigianali creati dal “pastry Chef Daniele Bonzi “ , cocktail d’autore e tanto altro ancora.

l’offerta è completata da musica dal vivo e, se lo si desidera, da un servizio di baby sitting gratuito per le famiglie.

Dal 20 di settembre, tutte le domeniche dalle 12,15 alle 15.

Condividi:

Continue reading

Campus, digitalizzazione del futuro per bambini, tra didattica e divertimento

29

Written by:

Apre a Roma il 28 ottobre la prima sede di Campus, un progetto R-Store,  realtà innovativa pensata a misura di bambini e ragazzi, con contenuti a cavallo tra attività ludiche e didattiche. Imparare giocando è un buon metodo,  le materie sono robotica, elettronica, coding e realtà virtuale, quindi  lo scopo è trasmettere una autentica competenza digitale con un linguaggio idoneo ad utenti dai 6 ai 14 anni.

I più giovani, pur essendo nati in piena era digitale, tendono a fare un uso passivo della tecnologia, senza la consapevolezza che l’elettronica può dare in termini di creatività, problem solving, sviluppo della logica.

Il Campus li guida nel superare questo approccio superficiale, dando competenze ma soprattutto fornendo gli strumenti per un ragionamento logico e profondo, e al tempo stesso sensibilizzando e stimolando su temi sociali e reali.

L’ambiente stesso del Campus è accattivante e stimolante, infatti i bambini entrano in un’aula a forma di astronave e iniziano il loro viaggio didattico: i formatori presentano loro una problematica, dando un’informazione teorica e lasciano i giovani allievi liberi di trovare una soluzione. Il loro ruolo è attivo, ricevono uno spunto e immediatamente lo mettono in pratica.

Una didattica unica nel suo genere, perché non fa uso di kit preimpostati, ma crea attività nuove su argomenti specifici, mirate non solo a sviluppare le capacità logiche, cognitive e creative, ma anche a sensibilizzare su temi importanti come la sostenibilità, l’energia, la smart city oltre a trasferire competenze per analizzare, sperimentare e formulare soluzioni applicabili con la tecnologia.

Questa filosofia prevede che il bambino venga lasciato libero di pensare, provare, sbagliare, creare ed inventare, sviluppando non solo le Digital Skills – le abilità già presenti nei nativi digitali – ma anche un approccio mentale rivolto al ragionamento logico ed al problem solving.

Le tecnologie e l’uso degli strumenti tecnologici sono stati suddivisi in moduli, per dare una panoramica completa all’allievo, che diventa un “piccolo inventore” e viene condotto in un percorso che lo porterà a saper utilizzare le varie tecnologie in modo consapevole e creativo.

Si crea un oggetto e lo si programma elettronicamente, facendo uso di IPad, di programmi Apple e di app ottimizzate per l’utilizzo su queste apparecchiature.

Un esempio per tutti, “Luna Park” il corso in cui con l’uso di un kit di componenti e dispositivi elettronici si dovrà simulare il funzionamento di diverse giostre: ogni lezione prevede la costruzione e la programmazione di una giostra, e l’obiettivo è spiegare in modo semplice come funziona dal punto di vista fisico, meccanico ed elettronico.

Il percorso non forma utilizzatori passivi, ma sviluppa personalità creative e attive, che saranno in grado di utilizzare le competenze acquisite per utilizzare i dispositivi elettronici inventando essi stessi nuovi giochi e nuove attività. Allo stesso tempo l’attività didattica stimola alla riflessione su temi reali e attuali, creando anche una forte connessione alla realtà quotidiana, ed evitando così che i ragazzi si rinchiudano in un modo virtuale e spesso falsato.

I corsi, che vanno dai workshop di poche ore al percorso completo annuale, sono suddivisi in moduli ognuno dei quali è studiato per favorire l’apprendimento di una tecnologia attraverso la sperimentazione diretta, il gioco collaborativo e la cooperazione. L’alfabetizzazione informatica, infatti, non è un obiettivo, ma un metodo che permette di potenziare l’apprendimento delle abilità informatiche, ma anche di tutte le discipline e competenze trasversali e i prodotti e la piattaforma offerta da Apple sono gli strumenti di base.

Restando nel mondo della scuola, è prevista la possibilità di organizzare presso il Campus gite scolastiche con focus sulle tematiche Coding e corsi specifici per docenti finalizzati alla certificazione Apple Teacher Program.

La didattica dedicata a bambini e ragazzi è solo l’inizio delle attività del Campus, che inserirà a breve anche corsi specifici riservati a docenti e professionisti.

Qui di seguito una panoramica generale sulla didattica

Livello a per bambini da 6-8 anni: Elettronica base, Coding base, Robotica base

Livello per bambini 8-12 anni: Robotica (Tinkering e storytelling), Coding gamificatio, Realtà Virtuale.

Livello C per bambini 10-14 anni: Grafica e progettazione 2D e 3D, Robotica AI, Drone

Elettronica di base

Obiettivi

Il primo contatto con la tecnologia, il bambino scopre il principio di funzionamento dei dispositivi elettronici che lo circondano. Questo modulo è concepito per renderlo consapevole, capire come sono fatti i dispositivi elettronici, si acquisiscono nozioni di base sul funzionamento dei circuiti elettronici. Analizza e riconosce le varie componenti essenziali per costruire un robot.

Coding base

Obiettivi

Allenare l’intelligenza logico-matematica, spaziale e linguistica. Il bambino apprende le basi per ragionare in modo algoritmico, individuare la soluzione, scomporre il problema ed ordinare la sequenza di passaggi da eseguire. Approccio orientato al problem solving. Attraverso le lezioni apprendono il sistema solare, i mezzi a disposizione per l’esplorazione e alcuni concetti fisici fondamentali

Kit coding unplugged con vari games,

studio per programma scratch JR su IPAD per la realizzazione di storie interattive e piccoli videogames.

Programma Scratch 3.0 per la fascia anni 8-10.

Robotica

Obiettivi

Fornire gli strumenti idonei per comprendere come è fatto un robot, come vengono utilizzati i robot, quali sono le componenti principali, mettere in pratica il ragionamento logico, elaborare un algoritmo risolutivo sotto forma di sequenza orizzontale di istruzioni e farle eseguire da un robot.

Il bambino allena l’Intelligenza logico-matematica, spaziale, corporeo cinestetica.

Strumenti

I bambini utilizzeranno i kit tinkamo/jimu/apitor per realizzare dispositivi robotici. Si utilizzerà tablet IPAD per eseguire la programmazione.

CAMPUS come già detto è un progetto R-Store, azienda di respiro nazionale che da 12 anni rappresenta Apple su territorio in qualità di Apple Premium Reseller. Ad oggi con 35 punti vendita (3 di prossima apertura e un programma di espansione importante) e con circa 300 dipendenti è una delle “BigFour” company su cui ha investito Apple in Italia. L’azienda nata nel 2008 a Napoli è ora presente in 10 regioni e prevede di fatturare circa 200 milioni di euro entro il 2021.

R-Store offre ai propri clienti servizi che vanno dalla vendita dei gioielli di casa Apple, all’assistenza tecnica certificata, all’offerta di soluzioni per la didattica digitale a scuole e università, alle proposte per innovare il modo di fare business per le PMI italiane. Lo sviluppo del progetto Campus sulla formazione online e in store con strutture come quella dell’EUR dedicata alla cultura digitale per bambini e adolescenti nonché per certificare i docenti è l’ultimo tassello dello sviluppo dei servizi offerti da R-Store. Per essere aggiornati sulle attività dell’azienda visitate www.rstore.it o seguiteci sui Facebook, Instagram, LinkedIn e Youtube.

Condividi:

Continue reading

Con un’aggiudicazione da 1.875 euro, Karina Castorani Gosteva ad Art-Rite triplica la stima d’asta

199

Written by:

Lo scorso 12 ottobre, nella serata in cui Salvatore Garau, con quasi 28 mila euro, piazza il top lot e supera il proprio record d’asta, c’è gloria anche per una giovane firma. Karina Castorani Gosteva, una delle artiste italiane più rappresentative della generazione dei millennial, a 4-U new, Asta di arte contemporanea tenuta da Art-Rite a Milano, con “White fire Limpia”, triplica la stima. L’opera, una tecnica mista su dibond, di cm. 60×90,è stata venduta a 1.875 euro (compresi i diritti), a fronte di una stima di 600-800 euro. 

Federico Bianchi, head of department arte moderna e contemporanea dell’auction house milanese aveva dunque visto giusto, quando aveva messo l’opera di Karina come prima del catalogo. Una scelta coraggiosa, quella di Bianchi: collocare una giovane artista in una posizione delicata ed esposta come quella di apripista poteva sembrare un azzardo. Invece i collezionisti hanno dato ragione al capo dipartimento di Art-Rite, ingaggiando una strenua competizione per aggiudicarsi “White fire Limpia”. 

Classe 1989, laureata al Naba (Nuova Accademia di belle arti) di Milano, vincitrice assoluta, due anni fa, della 9a edizione del Premio Ricoh, Karina Castorani Gosteva sarà il prossimo 28 ottobre la protagonista di un evento al Loa, Laboratorio open art di Milano. Il suo lavoro “Music Dust”, sarà premiato dall’Avi, l’Associazione vinile italiana, come la più innovativa opera d’arte visiva ispirata al mondo della musica. 

Karina Castorani Gosteva
Condividi:

Continue reading

FOUR SEASONS HOTEL MILANO IN PARTNERSHIP CON JIMMY CHOO PER l’AFTERNOON TEA

116

Written by:

 

Jimmy Choo crea una edizione speciale dell’afternoon tea al Bar Stilla del Four Season, l’iconico Hotel di Via del Gesù, nel quadrilatero della moda a Milano.

L’afternoon tea prende ispirazione dalla collezione permanente Core e da modelli iconici di Jimmy Choo, e verrà servito dal 14 ottobre al 4 novembre 2021 ogni giovedì dalle 15:00 alle 18:00 al Four Season .

L’Executive Pastry Chef dell’hotel, Daniele Bonzi, ha interpretato modelli iconici di Jimmy Choo come la torta alla vaniglia cloud, la torta al cioccolato madeline bag e la riproduzione della pump saresa. Dettagli iconici di perle, cristalli ed il monogramma JC decorano le squisite proposte del Pastry Chef accanto a finger sandwich, tartellette alla frutta e una selezione di varietà di tè, champagne e un cocktail.JIMMY CHOO:
Jimmy Choo è uno dei maggiori brand del lusso internazionali con un netto senso del glamour e uno spirito giocosamente audace. Celebre per i modelli avanguardistici e spavaldi e l’eccezionale artigianalità, Jimmy Choo è diventato un pioniere nell’arte del vestire le celebrity e dei modelli da red-carpet. Le calzature da donna rimangono il fulcro dell’offerta prodotto, assieme a borse, piccola pelletteria, sciarpe, occhiali da sole, occhiali, cinture, fragranze e calzature da uomo. La CEO Hannah Colman e la Direttrice Creativa Sandra Choi condividono la visione di creare uno dei brand del lusso internazionali più ambiti. Jimmy Choo ha una rete di punti vendita globale di oltre 200 boutique ed è presente nei grandi magazzini e negozi specializzati più prestigiosi del mondo. Jimmy Choo fa parte del Gruppo internazionale di moda di lusso Capri Holdings Limited, quotaoto alla Borsa di New York con il ticker CPRI.

Per quanto riguarda il Four Season, San Domenico Palace è l’ultima dimora storica a rinascere, affiancandosi alle proprietà gemelle di Milano e Firenze,  come esperienza iconica targata Four Seasons. L’hotel Four Seasons di Milano è nel Quadrilatero della Moda di Milano, mentre l’hotel Four Seasons di Firenze è un palazzo rinascimentale che vanta il giardino privato più grande della città. Per un moderno Grand Tour italiano, Four Seasons attualmente offre From Italy with Love, per cui gli ospiti ricevono un credito di EUR 85 da spendere in spa o presso bar e ristoranti della struttura con un minimo di due notti presso ognuno dei due Four Seasons della collezione (quattro notti consecutive). L’offerta è valida fino a novembre 2021. Four Seasons  annuncia il progetto di sviluppare la quarta proprietà della sua crescente collezione italiana, un nuovo resort sul mare sulla costa adriatica della Puglia, vicino ad Ostuni.

Condividi:

Continue reading

RAINDROPS – boris pink edition by Doria 1905, per la ricerca contro il tumore al seno

114

Written by:

Doria1905 Pink Edition for LILT Doria 1905 partecipa alla campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del cancro al seno con la creazione di uno speciale modello dedicato, prodotto in rosa, in omaggio al colore simbolo del “Pink Month”. Il Pink Month è ormai un appuntamento universalmente riconosciuto, che culmina con la Giornata Internazionale contro il cancro al seno, il 19 ottobre. Durante il mese “rosa” saranno innumerevoli le iniziative charity per finanziare la ricerca, e, con la sensibilità per la salute e l’ambiente che contraddistingue il brand salentino, Doria 1905 ha creato per questo importante appuntamento un cappello a sostegno della LILT Milano Monza Brianza. RAINDROPS – boris pink edition by Doria 1905, è un cappello femminile nell’immagine, ma allo stesso tempo genderless nella forma. Viene realizzato con il tessuto del mitico bomber dell’aviazione d’inizio ‘900 e cult jacket dei look anni ’80, in una speciale nuance Parfait Pink (cit. Pantone). Questo materiale veste l’iconico pezzo della linea “RainDrops” di Doria 1905, il bucket Boris. E’ un capo tecnico che protegge dalle gocce di pioggia, dal vento e dal freddo grazie alla fodera in mesh, che diventa rosa. Catturando le molteplici sfumature della luce, dona particolare luce al viso ed è portabile da tutti. Il nastro interno, in un elastico molto soft al tatto, rende la calzata perfetta ed incrementa la tenuta del cappello al giro testa. Il laccio sottogola, oltre alla funzione pratica, è un dettaglio top, quasi un vezzo. Lo speciale Bucket Hat RAINDROPS sarà indossato da alcune selezionate influencer, che contribuiranno a promuovere l’iniziativa sulle piattaforme social. Verrà esposto inoltre in occasione del Press Day Doria 1905, che si svolgerà nella nuova Showroom di Milano in Via Santa Maria alla Porta n. 9. L’intero incasso derivante dalla vendita di ciascun cappello dedicato all’iniziativa sarà devoluto all’Associazione LILT. RAINDROPS potrà essere acquistato online, al sito www.doria1905.com , oppure nella boutique monomarca Doria 1905 di Bologna al prezzo di € 150,00 a partire dal 12/10/2021.

Condividi:

Continue reading

Roberto Cavalli S/S 2022 sfila con l’inedito progetto di Fausto Puglisi

140

Written by:

Nella collezione primavera/estate del famoso brand creata da Fausto Puglisi c’è passione, desiderio, autorevolezza e sensualità, sogno e concretezza.

Per lo stilista il punto di partenza è stato lo storico archivio con le incredibili sperimentazioni di stampa degli anni ’70 e la continua osservazione della natura con cui Roberto Cavalli ha costruito nel corso del tempo nuove texture e grafiche sui più diversi materiali, ed è così che il noto brand riedita l’indimenticabile motivo wild tiger che aveva “spaccato” per la sfilata della lontana collezione Autunno/Inverno 2001/2002, ancora più che mai contemporaneo. Nella vecchia celebre sfilata era un abito sottoveste di seta con gonna in sbieco indossato da una statuaria Cindy Crawford mentre ora è una gonna a ruota con costruzione couture, un minidress in jersey da indossare anche sui pantaloni neri, un lungo parka impermeabile oppure una semplice T-shirt.

Non finiamo di stupirci con lo spettacolare cappotto a iris jacquard su fondo scuro, che una volta rovesciato e agugliato a mano diventa un broccato cangiante, e poi ci sono anche gli abiti da sera cut out e i drappeggi costruiti su manichino con la tecnica del moulage. Ma tutto ha l’impronta dell’attualità nelle linee morbide ma perfette e puntuali che regalano a tante donne l’eleganza impeccabile dei classici: dal power suit ai pantaloni che volano, dal tubino al cappotto a vestaglia, ai kimono più lussuosi, alle camicie sbuffanti e al pijama.

E l’artiglio in metallo che diventa tacco delle scarpe da sera o dei cuissard in raso, dettaglio delle grandi tote bag o dei mini secchielli, punto luce sulla camicia, su tutti i capi insomma, è il nuovo simbolo dello stile Cavalli .

Ci sono colori nuovi (verde latte-menta o iris pixelato) ma la potenza espressiva della tigre che si muove al passo della donna è immutata e immutabile. Cavalli guarda la natura attraverso occhi innamorati e come negli anni 2000 grida “I’m the party”

Condividi:

Continue reading

Rocco forte hotels debutta a Milano nel 2023 con Generali real estate

135

Written by:


Rocco Forte Hotels apre a Milano Rocco Forte House in via Manzoni 46, in partnership con Generali Real Estate.

Si tratta di un format di raffinati appartamenti dedicati a professionisti o famiglie interessati a soggiorni medio-lunghi in città, in un contesto di eccellenza.
Collocato all’angolo con via Spiga – crocevia internazionale della moda e del lusso – il palazzo sarà totalmente rinnovato su progetto di Asti Architetti e interni disegnati da Olga Polizzi – director of design di Rocco Forte Hotels – e Paolo Moschino per Nicholas Haslam.

Saranno undici appartamenti da una, due o tre camere da letto, tutti con ampi spazi living, cucina separata, zona lavanderia e servizi.
Agli ospiti sarà riservato l’accesso all’inedita palestra ricavata al piano seminterrato e all’intimo caffè disegnato nella corte interna al piano terra, luogo ideale per colazioni e pranzi leggeri in totale privacy.
 In aggiunta, una  splendida terrazza panoramica che occuperà l’intero quinto piano, sara’ accessibile al pubblico, che si candida a diventare l’hot spot di Milano dall’aperitivo alla cena.
Con un format innovativo e di prestigio, l’operazione valorizza in modo ottimale uno dei più importanti immobili nel portafoglio di proprietà del Fondo Effepi Real Estate (le cui quote sono detenute interamente dal Fondo Pensione Unicredit) gestito da Generali Real Estate SGR.
Ho scelto l’Italia come primo Paese in assoluto dove inaugurare Rocco Forte House e sono orgoglioso di offrire la nostra regia di soggiorno in appartamento in due città simboliche come Roma e tra poco Milano” afferma Sir Rocco Forte, fondatore e presidente di Rocco Forte Hotels.
Aldo Mazzocco, amministratore delegato di Generali Real Estate, così commenta: “Generali è felice di ridare smalto e valore a questo immobile di pregio di proprietà di uno dei nostri migliori clienti, attraverso la collaborazione con il gruppo Rocco Forte Hotels. Personalmente sono contentissimo di avere nuovamente l’opportunità di lavorare con Sir Rocco Forte, un maestro nell’arte dell’hospitality a livello mondiale.”
Nel 2023, Rocco Forte Hotels inaugurerà anche The Carlton Hotel Milano in via della Spiga, rivoluzionando così il celebre “quadrilatero” della moda.

Condividi:

Continue reading

Moda e lusso, con Ulisse stop agli sprechi di spazi

390

Written by:

A pochi giorni dalla presentazione del Crowdfunding avvenuta il 5 luglio, in presenza, nella sede della Società Geografica Italiana a Villa Celimontana, a Roma, Ulisse ha quasi raggiunto, in coming soon, l’obiettivo minimo di investimento.

Di cosa si tratta? E’ la nuova soluzione per raccogliere, analizzare e interpretare i dati che rivoluziona e trasforma il mondo della vendita al dettaglio nell’ambito della moda. Ulisse è un prodotto di proprietà di Lanp srl, startup innovativa fondata da Luca Nestola e Alberto Villa, con DNA italiano, una composizione internazionale e con sedi in Asia e in America Latina.

Aiutiamo le aziende a comprendere e influenzare la relazione tra lo spazio del negozio e il visitatore, grazie a dispositivi a bassa potenza computazionale e algoritmi di intelligenza artificiale”. afferma Luca Nestola.

Democratising the physical space analytics” è il concetto sul quale si basa la filosofia di Ulisse e dei suoi fondatori.

L’azienda con il DNA italiano ma di composizione internazionale, ha ottenuto in pochi giorni un ottimo risultato sulla piattaforma Backtowork24. Ulisse ha sedi, oltre che in Italia, anche in Messico per lo sviluppo tecnologico, e in South Korea e Singapore per lo sviluppo commerciale.

In un’epoca in cui le analisi e i dati sono di sostanziale importanza per lo sviluppo dei mercati, e sempre più spesso i decisionmaker della filiera Retail necessitano di informazioni, analisi e dati per guidare le scelte, il flusso delle vendite e per costruire il business in base alle caratteristiche degli utenti, nel più breve tempo possibile, Ulisse diventa la chiave del futuro.

Entro il 2025 la metà dei dati mondiali saranno dati IoT. Oltre il 25% saranno dati in tempo reale (studio IDC ‘Worldwide Internet of Things Forecast, 2020-2025’).

Oggi la tecnologia utilizzata per capire gli spazi fisici è basata su telecamere, più o meno intelligenti, che servono a riconoscere flussi di persone e trasformarli in dati. La quantità di telecamere per coprire un’area più o meno vasta è enorme e comporta problemi di privacy, tanto Hardware, cablaggi, complessità di installazione, costi e anche tempi troppo elevati, ecco perché Ulisse diventa la prima soluzione integrata IoT di Physical Space intelligence no-camera che consente di distribuire Analytics in real time.

Grazie alla combinazione modulare di visione e radar permette di raccogliere e analizzare in real-time dati su flussi e comportamenti dei visitatori, garantendo sicurezza, supportando i processi decisionali e ottimizzando le KPI. Attraverso una piattaforma IoT modulare e integrata composta da hardware, algoritmi e software proprietari, Ulisse effettua avanzate analisi visive dello spazio fisico, in meno di 5 minuti, nel totale rispetto della privacy.
Una tecnologia che ha già avuto successo tra i Retail internazionali come: Bata, Sergio Rossi, Salvatore Ferragamo, Venchi, Yamamay, Sunglass Hut e Edgars.

Ma Ulisse non si limita solo al Retail, perché in futuro sarà alla base delle SMART CITIES per monitorare le effettive esigenze e i consumi necessari per la popolazione, aiutando a rendere le nostre città più sostenibili. In questa direzione sono stati attivati due progetti pilota a Singapore, per il tracciamento e la sicurezza delle teleferiche e per il monitoraggio degli animali di un Bioparco.

L’operazione di Equity Crowdfunding presentata a Roma, organizzata da The Go To Market Company (partner nella promozione della tecnologia),  si inserisce nel contesto di un aumento di capitale, che servirà a investire in ricerca e sviluppo, nuovi algoritmi per nuove applicazioni, marketing e comunicazione, nuove geografie da raggiungere. Ulisse si sta dirigendo verso rotte internazionali e questo sarà un anno decisivo.

Ulisse sembra avere le idee ben chiare sulle sue tappe, Alberto Villa, CFO e Founder, ha spiegato gli obbiettivi futuri:  “Siamo partiti con un Round Seed da Business Angels, rappresentanti di importanti imprenditori e sportivi italiani, che ci ha consentito di sviluppare un Proof Of Concept, nell’anno della pandemia abbiamo portato a mercato il servizio, testandolo con i primi clienti Retail. A inizio 2021 abbiamo lanciato una nuova raccolta tramite SFP e abbiamo scelto di avviare una classica raccolta di Equity Crowdfunding al fine di sviluppare una nuova, rivoluzionaria tecnologia radar. Nel 2022 verrà implementata una nuova versione hardware con un impatto rilevante di riduzione del costo industriale del sensore ed è prevista un’importante scalabilità commerciale con accordi con importanti distributori come Finix SpA e l’innesto di figure chiave. Nel 2022 prevediamo già la chiusura di un Round Series A con Fondi di Venture Capital nell’intorno di una raccolta di USD 10 Mln”.

Proprio nell’ottica della crescita di Ulisse, Valerio Bianchi è stato nominato Chief Revenue Officer (CRO).

“Il segno distintivo delle grandi aziende di software B2B è la capacità di coniugare l’eccellenza del prodotto con un’eccezionale esecuzione di go-to-market”, ha affermato Luca Nestola, Chief Executive Officer.

“La nomina di Valerio Bianchi come CRO e la sua esperienza decennale nel settore, ci consente di costruire una forte forza vendita e prepara l’azienda a sostenere una crescita esponenziale attraverso l’acquisizione di quote di mercato nei prossimi anni”, ha affermato Alberto Villa, Chief Financial Officer.

La campagna di Crowdfunding è appena iniziata e si prospetta di grande successo.

Condividi:

Continue reading

Cuoio di toscana debutta alla Milano design week 2021 con la consolle “Love”

183

Written by:

 “Amore è scegliersi a scatola chiusa, avvolti da un alone di mistero. Amore è un fedele custode di sogni condivisi, un contenitore di possibilità.”  Cuoio di Toscana, il Consorzio leader assoluto del cuoio di qualità Made in Italy, annuncia la sua partecipazione alla Milano Design Week 2021 con 2 appuntamenti esclusivi che lo vedranno protagonista dal prossimo 5 al 9 settembre. Il Consorzio presenterà presso il Flagship Store Lavazza di Piazza San Fedele 2 a Milano il prossimo 8 settembre un’installazione dell’architetto Fabio Novembre. L’opera è un ideale totem all’amore per il pianeta composto da quattro consolle “Love” disegnate da Novembre per Driade, interamente rivestite in cuoio con i colori delle quattro stagioni. Una nuova prova di versatilità e creatività che continua a dar luce a collaborazioni esclusive sempre nel segno dell’eccellenza artigianale e della cura estetica. È da questi valori, uniti all’altrettanta eccellenza nel campo del design di Driade – dal 2013 parte di ItalianCreationGroup – che nasce un oggetto d’arredo esclusivo per una versione unica nel suo genere e completamente in cuoio. Un progetto che trova le sue radici anche nel concetto stesso di Love/Amore, quello che dà il nome alla consolle, e che diviene un simbolo di affetto, unione, empatia. La consolle Love diventa così un contenitore di amore, rivestito in uno dei materiali più eleganti e pregiati. “Questa collaborazione è il frutto di un incontro naturale tra due eccellenze italiane: Il design e l’artigianato. Siamo partiti dal logo di Cuoio di Toscana, un cuore, e abbiamo creato un vero e proprio manifesto d’amore rivestendo la consolle Love interamente in cuoio.”, commenta Fabio Novembre, direttore artistico di Driade. Una collaborazione quella con Fabio Novembre e Driade che vuole portare l’attenzione anche sul tema della sostenibilità e tutti quegli standard qualitativi ed etici del Consorzio che da sempre sono protagonisti delle sue produzioni. Un impegno già sottolineato attraverso il Sustanaibility Statement con il quale Cuoio di Toscana ha ufficializzato e definito le best practices di sostenibilità delle aziende consorziate, mettendo in luce, in primo luogo, che il cuoio è una risorsa 100% naturale, rinnovabile e di recupero, ossia recuperato da scarti dell’industria alimentare altrimenti destinati allo smaltimento, e trasformato in un materiale di qualità.

 Welfare e tracciabilità sono infatti priorità per Cuoio di Toscana, che impone che il pellame provenga da allevamenti non intensivi e che i metodi di macellazione siano cruelty free. Centrali nella visione di Cuoio di Toscana sono anche i concetti di inclusività e diversità, che divengono oggetto del claim della collaborazione sotto il nome di «No Boundaries». Il concetto di abbattimento dei confini sottolinea come anche un oggetto cult e parte dell’heritage di Driade, quale è la consolle “Love”, si sia arricchita dotandosi di una nuova pelle, quella del cuoio, dimostrando di avere eliminato i limiti di applicazione del materiale e aprendosi a nuovi contesti e mercati. L’esclusiva collaborazione sarà presente anche a HOMI, il più importante appuntamento dedicato agli oggetti e complementi di interior design, in scena dal 5 all’8 settembre.

 Cuoio di Toscana esprime l’eccellenza di un cuoio da suola unico, ottenuto con concia lenta al vegetale, un processo antico basato sull’utilizzo di tannini naturali ricavati dal legno di castagno, mimosa e quebracho. Il marchio nasce con l’obiettivo di farsi portavoce nel mondo di uno dei distretti leader della concia, le aziende che fanno parte del brand sono tutte in provincia di Pisa tra Santa Croce sull’Arno (Bonistalli e Stefanelli Spa) e San Miniato, località Ponte a Egola (Gruppo Conciario CMC International Spa, Conceria Gi-Elle-Emme Spa, Cuoificio Otello, Lamonti Cuoio Spa, Conceria 3S Srl e Volpi Concerie Srl.)

Condividi:

Continue reading

Il Gruppo Damiani acquisisce la maggioranza di Bruno Maria Zimmitti 1858

152

Written by:

Il Gruppo Damiani annuncia l’acquisizione della maggioranza della gioielleria Bruno Maria Zimmitti, noto retailer italiano, fondato a Siracusa nel 1858, che distribuisce all’interno dei propri punti vendita prestigiosi marchi di orologeria e gioielleria d’alta Gamma tra i quali Damiani, Salvini, Rolex e Bulgari. L’accordo prevede che Salvatore Zimmitti verrà riconfermato CEO. E che gli azionisti di Bruno Maria Zimmitti 1858 rimangano operativi all’interno della joint venture. Quest’acquisizione fa parte di un piano strategico volto ad espandere la leadership di Rocca 1794 di proprietà del gruppo Damiani, sul piano nazionale ed internazionale. Rocca 1794, è la catena italiana di gioielli e orologi di Lusso presente a Milano-piazza Duomo, nella foto- e nelle vie più esclusive dello shopping delle principali città d’Italia, otre che negli scali internazionali degli aeroporti.

Rocca 1794 non ha fermato i propri piani di espansione e consolidamento della propria leadership: è diventata Category Partner della Rinascente di Milano per la distribuzione di gioielli e orologi di Alta Gamma, ha inaugurato una  boutique nella centralissima Via Nassa a Lugano e nei prossimi mesi prevede la riapertura (dopo una ristrutturazione) della boutique di Bologna, un’altra monomarca Rolex nella prestigiosa Galleria Vittorio Emanuele II a Milano,e una presso l’aeroporto di Milano Linate, oltre ad un serie di nuove aperture e acquisizioni. Il Gruppo Damiani è il più grande gruppo indipendente in Italia nel settore della gioielleria e dell’orologeria di lusso ancora oggi gestito dalla famiglia. In questa operazione strategica, il Gruppo Damiani è stato supportato dallo studio legale e tributario Biscozzi, Nobili e Piazza.

Guido Damiani, Presidente del Gruppo Damiani afferma: “Da sempre stimiamo la famiglia Zimmitti dal punto di vista umano, etico ed imprenditoriale. Siamo estremamente lieti di aver finalizzato quest’operazione strategica che da un lato garantirà lo sviluppo ad un’azienda così importante nel nostro settore e dall’altro contribuirà a rafforzare la leadership di Rocca a livello nazionale. Proprio su questo modello di governance siamo interessati a realizzare operazioni simili con altri player di settore. Siamo certi che queste azioni strategiche daranno la possibilità a molte piccole aziende di affrontare i nuovi mutamenti del settore grazie al supporto di una realtà solida come il Gruppo Damiani: fortemente internazionale e managerializzata ma che resta umana grazie al diretto coinvolgimento della nostra Famiglia.”

Condividi:

Continue reading