Please select featured categories (for slider) in "Land" admin panel. You can select as much categories as you want.

Formnext 2016, appuntamento a Francoforte dal 15 al 18 novembre

549

Written by:

«L’additive manufacturing rappresenta una grande opportunità per l’industria, sia a livello di sviluppo prodotto che di produzione. Secondo la società di analisi Gartner le vendite di stampanti 3D cresceranno del 108% entro la fine del 2016. La fiera formnext 2016 dà la possibilità di confrontarci con le aziende che vogliono esplorare i vantaggi del 3D printing per fare evolvere il business». E’ quanto afferma Giorgio Bavuso, Direttore Production Printing di Ricoh Italia. Tra i protagonisti, allo stand F18 (Padiglione 3.1) sarà RICOH AM S5500P, soluzione pensata per il manufacturing con un volume di costruzione di 550 (lunghezza) x 550 (larghezza) x 500 (altezza) mm.

I visitatori di formnext 2016 potranno toccare con mano numerose applicazioni dedicate al settore aerospaziale, automobilistico e industriale e confrontarsi con gli esperti Ricoh per capire in che modo innovare i processi produttivi grazie a RICOH AM S5500P. Le applicazioni allo stand sono realizzate utilizzando una vasta gamma di materiali tra cui PP, PA12, PA11 e PA6.

I visitatori della fiera potranno approfondire anche i servizi end-to-end offerti da Ricoh, tra cui progettazione, prototipazione rapida e finishing.

Ricoh mette a disposizione un numero limitato di biglietti gratuiti per formnext 2016.

Per iscrizioni: http://events.ricoh-europe.com/formnext2016

Continue reading

Quando il pannello touch è personalizzabile

595

Written by:

Le nuove generazioni che entrano nelle aziende si aspettano di avere a disposizione tecnologie innovative per lavorare in modo più efficiente. Va in questa direzione il lancio della nuova gamma di multifunzione A3 a colori Ricoh MP C2004SP, C2004ASP, C2504SP e C2504ASP.

«Tutti i modelli», spiega Donato Maraggia, MFP Product Manager di Ricoh Italia, «integrano lo Smart Operation Panel, un pannello touch simile ad un tablet che permette di gestire rapidamente tutte le funzionalità. Il pannello è personalizzabile in modo che ogni utente, autenticandosi, abbia a portata di mano le funzioni che utilizza maggiormente, a vantaggio della produttività».

Dall’Application Site di Ricoh possono essere scaricate, direttamente sul pannello, numerose app tra cui:

ID Card Scan & Copy: con un unico “click” vengono acquisiti ambedue i lati di un documento, ad esempio una carta d’identità. Il documento scansito può essere stampato, inviato a una cartella oppure ad un indirizzo e-mail.

Easy Book Copy: definendo l’area di stampa mediante la app, è possibile eliminare con semplicità le aree scure oltre i margini del libro e in corrispondenza della rilegatura

Shared Folder Print: l’utente può recuperare i documenti da stampare da cartelle condivise, sulla base dei propri diritti di accesso

Afferma Stefano Gelmetti, Product Marketing Manager di Ricoh Italia: «La nuova gamma e le app disponibili si inseriscono nel nostro concetto di Workstyle Innovation Technology, un insieme di servizi e dispositivi smart che migliorano la gestione delle informazioni e semplificano le attività».

I nuovi sistemi multifunzione A3 a colori Ricoh MP C2004SP, C2004ASP, C2504SP e C2504ASP offrono produttività elevata (velocità da 20 a 25 pagine al minuto) anche grazie alla disponibilità degli alimentatori ARDF da 100 fogli (su MP C2004SP e C2504SP) o SPDF da 220 fogli (su C2004ASP e C2504ASP).

Tra le altre caratteristiche della gamma: Nuovo controller basato su processore Intel che velocizza la stampa e l’acquisizione di documenti complessi; Finisher ibrido con l’opzione per la finitura senza punti metallici; Sensore di rilevamento che rileva la presenza dell’utente in modo che lo Smart Operation Panel sia pronto nel momento in cui è di fronte al dispositivo; Possibilità di interfacciarsi con dispositivi mobili utilizzando la connessione NFC (Near Field Communication), Bluetooth oppure attraverso la lettura di un QR Code.

Continue reading

How online writing services help students

683

Written by:

Approaches to write a coherent term paper

Be it a thesis or maybe a term paper, they bear lots of worth amongst other literary performs.Sometimes you can write them by yourselves, and quite often you can’t.Have a try at using online writing services to reduce some slack.

A term paper is an critical activity within the lives from the students.Partly because a term paper normally carries some markings or grade points around it in order that it reflects upon your final paper and since it shows your investigation and writing capabilities.There have been instances of papers getting rejected since they had minor grammatical errors. When you’re or considering of preparing a dissertation paper, keep the following points in thoughts.

  1. Create an outline or first draft
  2. Create a well-researched thesis depending on the outline
  3. Have ample evidence to back your claims and cite the source materials
  4. Make it free from unwanted words and grammatical errors

need help with writing essay

It is tough to get a student to top rated the expectation as for preparing these papers one particular will have to do a great deal of study and studies regarding the topic.Term paper writing service is supplied by a large number of websites to tackles this quite concern.Your term paper would be given to a pool of specialists that have a great quantity of expertise functioning on academic factors ranging from term papers to thesis.These are all written by experts’ in their fields.

Case study

Case studies are determined by a thing which has been under a proper technical study.Diverse social groups, humans or perhaps a predicament might be a topic from the case study.Hence, you can easily use a web based writing service that will help you out in the finest feasible way and order case study.You also possess the choice of clearing out your queries and asking for changes if you ever discover any.The behavior of the group is taken as a whole when there are multiple Most people present.

An outstanding amount of research goes into creating a case study.The ideal selection is always to employ a writing expert when you aren’t confident about writing one.Now you can order case study over the internet in order that a team of pros will manage your material.The ultimate draft of one’s paper will likely be sent to you only once they have finished having an in-depth case study research in your subject.For this reason, devoid of any doubt, hiring a writing service is worth each penny you would like to devote.You would certainly not regret generating this bargain whenever you would get the final product in your hand.

Use a custom dissertation writing service

https://www.youtube.com/watch?v=30mODJyTj1A

It is very well known that dissertation writings are one particular in the lengthiest of all the academic papers.A dissertation paper will be defined as a document that puts forward an argument for a thesis.Particularly in defense of the thesis.A dissertation entails all the important points which you have already covered in your thesis.
Most of the time you will be needing to write a dissertation paper when you’re looking to safe a Ph.D. within a distinct topic.Hence, you must be especially precise with particular elements like factual knowledge, data to make your points clear.It’s advisable that you just stick to writing completely when considering working with vocabulary appropriately.Grammar mistakes are discouraged to such an extent that it can get your paper rejected.

Having a multitude of best dissertation writing services correct at the click of the mouse, you have got unlimited decision to select the top viable option for you personally. It really is incredibly basic to start with.These days, plenty of online dissertation services are available so that you can have broad sets of service providers to choose from. A single can now order dissertation online with general ease.You can easily frequently choose the top in the pool of experience writers.By giving these writers specific guidelines, one can have their dissertation without having to type the whole paper by themselves.

The importance of editing your operates

Hence employ in the best dissertation writing services in case you don’t have the crucial abilities to create a dissertation paper.
Hence, why there are a lot of editing services available for college essay editing.No wonder that editing could make all the distinction to your writing.The increasing demand of editing services thus shows that it may be pretty useful specially when you are planning your college essay or academic operate editing.Use this service http://www.meudocedia.org/to-buy-an-essay-it-is-not-a-whim-8/ to achieve your finding out goals.You could have your dissertation with no even typing a word, but ensure that to provide the writer proper suggestions.

Editing is among the most important stages to look out for any whereas preparing literature performs.College essay editing involves rigorous processes like organizing your perform systematically, checking out the sequencing very carefully and seeking out for all those minute mistakes and errors.There can be a hoard of grammatical mistakes or typos which will hide themselves the very first or second draft.Take proper care in reading the function and ironing out errors as they come.

Write a thesis with excellence

Dissertation and thesis bear practically the identical which means.Each are a person’s reading or data that he/she has compiled to prove an argument or conjecture.
Preparation of well-made thesis represents a set of challenges in itself.A thesis cannot be a brief paragraph, a thesis should have nearly zero grammatical error and should not deviate from the point or subject.Thesis writing follows a set of predefined rules that makes understanding and referencing much easier in the paper.To write a thesis, a single must collect all the relevant data around the topic.
In addition to this do your research to present relevant evidence before the readers.

To pass validation, the thesis must have ample evidence backing just about every statement.A thesis becomes irrelevant when it’s not backed by correct evidence.The help of a thesis writing service will assist individuals who are certainly not in a position to prepare a thesis within the required normal an institution demands.From on line search tags, it truly is recognized that the words "write my thesis" comes up a lot.But, at the same time, you need to be cautious about the services you plan to avail.It is advisable that you cross check the reliable and trustworthy websites to get the best for yourself.

Continue reading

Bestessay4u . Com examination: superior firm to acquire any paper quickly and on schedule

438

Written by:

Are you currently alarmed on how to accomplish tough collegiate pieces of writing? bestessay4u.com provides you customized remedies that will help you obtain top class scores.

Essay Writing Assistance

bestessay4u.com is known as an online Continue Reading

Continue reading

Il ritorno di Lia Furcieri

644

Written by:

A più di una decina d’anni dalla sua ultima mostra, Lia Furcieri torna a esporre a Milano. Venerdi 28 ottobre, alle 18, si inaugura, presso la Trade Art Gallery, di Via Fratelli Bronzetti 8, una sua personale. Palermitana di nascita, ma milanese d’adozione, allieva, presso l’Accademia di Brera, di Luca Vernizzi, la pittrice sviluppa la sua poetica nella ricerca cromatica pura. Scrive di lei Cinza Bollino Bossi: “non c’è nulla di misurato, di calcolato, di predefinito nelle sue tele. Non c’è un’impalcatura compositiva, non c’è un disegno entro il quale albergare il colore, non c’è margine, linea, bordo, confine, se non quello della tela stessa…Oggi come ieri si assiste al primato dell’emozione sul ragionamento. Oggi come ieri si inseguono forme e figure, Quasi fossero un variopinto test di Rorschach, le tele di Lia ci suggeriscono qual è il nostro modo di guardare il mondo…Sono tele che riempiono le pareti con le loro deflagrazioni di colore. Un fuco d’artificio silente, un turbine che abita gli spazi: degli occhi, dei cuori, delle case”.

Continue reading

Intervista esclusiva a Rosso: il Nuovo rinascimento di Milano

1682

Enrica GoverniWritten by:

Milano è tornata a essere una delle metropoli del mondo più dinamiche e in crescita. Lo si evince non solo dalle statistiche. Basta girare per la città per rendersene conto. Alessandro Rosso non ha dubbi: in questi anni si sta assistendo a un Nuovo rinascimento della vecchia “capitale morale”.

Meg Portrait Review inizia, con questa intervista, una serie di articoli dedicati a indagare sulla rinascita di Milano. Una realtà di cui siamo convinti, anche se daremo spazio anche alle voci critiche. Il primo testimone è appunto Alessandro Rosso, che, grazie alle sue esperienze, gode di un osservatorio privilegiato.

Nato a Torino il 6 dicembre 1959, è cresciuto a Milano, dove vive. Nel 1983 si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Torino e due anni dopo ha conseguito un Master in Public Policy presso la Harvard Business School.

Con oltre 30 anni di esperienza nei settori MICE (Meeting, Incentive, Conference, Event), Comunicazione e Turismo, Rosso è oggi un affermato  imprenditore italiano che con le sue idee innovative e brillanti, ha fatto crescere Alessandro Rosso Group in Italia e all’estero, portandolo a imporsi anche come Gruppo internazionale. Nel corso degli anni, infatti, il Gruppo grazie a importanti acquisizioni nazionali e internazionali,

ha ampliato il proprio core business e oggi offre una gamma diversificata di prodotti e servizi ed è considerato leader di mercato in Italia e in Europa.

Con Expo Shanghai 2010 Alessandro Rosso è entrato nel mondo delle Esposizioni Universali ed è stato uno degli imprenditori più rappresentativi di Expo Milano 2015, grazie al suo profondo impegno nella promozione dell’Esposizione Universale milanese,  sia in Italia sia all’estero. Nominato primo Rivenditore Autorizzato per la vendita di biglietti Expo nel Mondo, ha contribuito al successo di Expo Milano 2015 con la vendita di oltre 3.000.000 di biglietti attraverso la sua piattaforma multilingue youwaytoexpo.com, si è occupato anche della progettazione e costruzione di interi

Padiglioni, della gestione di ristoranti all’interno dell’area espositiva ed è stato protagonista  con un proprio padiglione dedicato al mondo corporate: Alessandro Rosso Corporate Pavillion.

Alessandro Rosso, proprietario e presidente di Alessandro Rosso Group, è uno dei principali attori anche nel settore del turismo con Best Tours Italia, affermato tour operator italiano. Ha creato il primo Seven Stars Hotel certificato al mondo oltre alla catena Townhouse Hotels. Oggi è Presidente e proprietario non solo di hotel ma possiede e gestisce locali storici e ristoranti alla moda nel cuore di Milano.

É anche Presidente e Fondatore del World Expo Commissioner Club, il primo club

dedicato a Commissari, Vice-Commissari, Delegati BIE, Direttori di Padiglioni, Diplomatici e Imprenditori dei Paesi coinvolti nelle Esposizioni Universali, con l’obiettivo di promuovere e facilitare il networking tra i suoi membri.

Presidente dell’Associazione Cina-Italia, membro di Altagamma, una fondazione che

raccoglie i migliori brand del Made in Italy, dal 2000 è anche Console Generale Onorario della Sierra Leone.

Ha ricevuto premi e attestati di stima da parte delle più alte Autorità istituzionali italiane e nel dicembre 2015 ha vinto il “Premio Excellent”, uno dei più prestigiosi riconoscimenti nel comparto del turismo per coloro che promuovono l’eccellenza del Made in Italy nel mondo.

Ed ecco cosa ha raccontato a Meg Portrait Review.

 

La stampa internazionale tutta, New York Times in testa, esalta Milano come una delle città che più si è rivitalizzata al mondo in questi ultimi anni. E’ solo suggestione giornalistica o queste affermazioni hanno riscontro nella realtà?

«Milano è molto apprezzata dai turisti da tutto il mondo, ma è anche molto apprezzata dai Milanesi: dopo un anno di Expo è più dinamica e fruibile, con linee di trasporto in crescita ed è di pochi giorni la notizia che ha addirittura superato Roma come numero di turisti, Milano una vera città metropolitana e molto europea».

 

Quali sono gli elementi che permettono di parlare di questo nuovo Rinascimento milanese? Sia a livello di opere fisiche (palazzi, hotel, nuovi quartieri ecc), sia di eventi/progetti (salone del mobile, design dei nostri architetti, ecc).

«E’ recente il nuovo skyline di Porta Volta, da Gae Aulenti fino al Bosco Verticale, che ha vinto di recente il miglior progetto architettonico. Sono molto curioso di scoprire i nuovi edifici nell’ex area Fiera, una nuova area resa attuale da edifici con strutture particolari che attireranno ottimi investitori internazionali. Amo molto passeggiare in Galleria V. Emanuele, il vero monumento più visitato di Milano: chiunque ci passeggia almeno una volta e Piazza Duomo: una memorabile visione di insieme che rappresenta una Milano dinamica ed operativa. Mi è piaciuto anche il nuovo volto della Darsena, ideale per i giovani e con varie attività da fare. Mi piace anche molto l’atmosfera che si crea a Milano durante il Salone del Design ad Aprile e dal prossimo anno anche la nuova BIT, più o meno nello stesso periodo. Vi preannuncio ci saranno grandi novità in Galleria, che riguardano i nostri hotels e ristoranti».

 

Milano è una delle capitali mondiali della moda e, forse ancora di più, del mobile. Due settori che puntano su qualità, creatività e gusto. Secondo lei, questo significa che il futuro dell’Italia sta nei business che connotano lo stile italiano? Quindi anche turismo e cibo? E, dopo moda e mobile, quali altri settori italiani emergeranno, raggiungendo il top internazionale?

«Milano non è solo moda e design, anche se siamo molto apprezzati proprio per queste due arti meravigliose ed uniche. Anche il cibo e la nutrizione, tema caro all’Expo scorso, ci hanno reso protagonisti: nuovi ristoranti stanno aprendo, si riscoprono brand storici che ci invidiano all’estero come Bagutta (appena riaperto in una location temporanea in via Borgospesso 1, o Taveggia con i suoi panettoni e budini di riso, come Cova o il Marchesino. Anche il settore degli eventi è importante per Milano, parliamo dei grandi concerti a San Siro o in piazza Duomo, ad esempio l’evento di Radio Italia che attira davvero persone da tutto il Paese per la buona musica o gli eventi nel Parco Sempione: un bel polmone verde per la città di Milano».

 

Ma perché, a fronte di una stampa autorevole e di una opinione pubblica internazionale che considera Milano come una delle città più attrattive del mondo, in Italia esiste una corrente di pensiero che minimizza o addirittura nega il nuovo miracolo milanese?

«Milano è davvero una città dinamica e in crescita, non occorrono solo numeri alla mano per dimostrarlo, guardiamo ai turisti, in forte ascesa e il numero di eventi e fiere in città: sempre in aumento. Milano mi sembra davvero una vera capitale europea. Milano è ricca anche di locali storici o brand internazionali come il Pavarotti Museum&Restaurant in Galleria V. Emanuele II con ingresso da piazza Duomo 21. Tra gli storici hanno appunto appena riaperto la Trattoria Bagutta come nel 1924 o la Pasticceria Taveggia con le stesse ricette del 1909».

 

Chi ha ragione sull’Expo? I disfattisti che sottolineano solo il fatto che il conto economico si è chiuso con una ventina di milioni di perdite (tra l’altro una cifra relativamente modesta, con cui non si compra nemmeno un buon giocatore di calcio), o i trionfalisti, che sostengono che questa ventina di milioni è stata abbondantemente coperta dall’indotto?  Considerando, fra l’altro, che comunque l’Expo ha sancito a livello internazionale la definitiva riaffermazione di Milano come grande centro mondiale?

«Expo è stato un ottimo trampolino di rilancio per Milano, per l’Italia intera, molti turisti hanno scoperto il bel paese attirati anche da Expo, il picco turistico non si è esaurito con l’anno scorso e basta fare due passi in piazza Duomo o in Galleria nei week end per rendersene conto. Expo 2015 è stata una grande e bella occasione per il nostro paese».

 

Milano è la prima destinazione turistica d’Italia. Si tratta però prevalentemente di turismo d’affari. Eppure come città d’arte Milano è tra le prime al mondo, ma questo non viene valorizzato. Perche? Milano ha grandi opere d’arte, musei e gallerie, un Castello Sforzesco che molti ci invidiano, piazze e la Galleria, di cosa dovremmo lamentarci?

«Vedo sempre una grande coda davanti ai musei nei weekend, quindi non è solo un turismo d’affari che va dal lunedi al venerdì. Bellissima l’iniziativa dei Musei a prezzo ridotto alla prima domenica del mese: molti poi ci tornano e li scoprono, magari con la famiglia. Il Museo dedicato a Leonardo, in Galleria V. Emanuele II angolo piazza della Scala ad esempio è sempre aperto, anche ad agosto e ha sempre richieste, non solo dalle scuole, ma da tanti turisti, italiani e stranieri. A breve proprio vicino apriremo un museo dedicato al calcio. Il Museo in omaggio al grande Maestro Luciano Pavarotti, con annesso il ristorante con le ricette che lui amava, è molto visitato e vedo sempre nei visitatori emozione e stupore. Avete provato anche a salire all’ultimo piano della Galleria, sui tetti? Ha riaperto l’anno scorso Highline Galleria con il percorso sui tetti da piazza Duomo 21 a piazza della Scala, un museo a cielo aperto».

 

 

 

Quante città possono vantare, ad esempio, un Castello in pieno centro, costruito con l’apporto di Maestri come Leonardo, Bramante e Filarete? Cosa si potrebbe fare per dare enfasi a quest’altro primato  milanese?

«Milano può sempre migliorare, ma già ora ha numeri legati al turismo importanti, anche oltre le stagioni abituali, basti pensare ad agosto: abbiamo registrato il tutto esaurito nelle nostre strutture, mentre i nostri ristoranti sono sempre rimasti aperti. Dalla Pizzeria I Dodici Gatti, quella in omaggio ai dodici gatti che vivono sui tetti, con vista sulla Galleria e piazza della Scala, alla Terrazza Duomo21, fino alla meraviglia dell’Ottagono lounge area, uno spazio con vista diretta sul centro della Galleria al primo piano da S.Pellico 8. Viste uniche su una città speciale».

 

  • Alessandro Rosso Presidente
    Alessandro Rosso Presidente
  • image1
  • 43524
  • 43573
  • oyster-bar
  • 59785
  • ottagono-oyster
  • Vincenzo Finizzola vice-Presidente
    Vincenzo Finizzola vice-Presidente
  • 59793
  • 43314
  • 43335
  • 43531
  • 43545
  • 43566
  • 43580
  • 59777
  • ottagono
  • ristoranti-e-bars
  • Paolo Rovellini barman
    Paolo Rovellini barman
  • lasinfoniapiatto
  • spa-wellness

 

 

Condividi:

Continue reading

Medie imprese europee, 5 obiettivi per vincere le sfide dei mercati

540

Milo GojWritten by:

Le aziende di medie dimensioni, quelle con fatturato da 3 a 130 milioni di euro e con un numero di dipendenti che va da 50 a 500, rappresentano solo il 2% delle imprese europee. Però generano oltre il 30% del fatturato di tutta Europa. Nonostante siano il motore dell’economia europea, le medie imprese si sentono trascurate sia rispetto alle piccole e piccolissime, sia rispetto alle grandi e soffrono della cosiddetta sindrome del figlio di mezzo. Queste aziende sono in grado di creare valore economico e opportunità; tuttavia di solito non ricevono il supporto necessario ad affrontare le sfide di business perché tutta l’attenzione degli enti governativi ed europei, così come quella degli istituti finanziari, è rivolta alle start-up e alle megaaziende. In particolare ci sono due fattori che frenano lo sviluppo di queste aziende: la complessità del contesto normativo e la difficoltà ad accedere a finanziamenti che permetterebbero loro di investire nel lungo periodo.  Secondo una ricerca Coleman Parkes Research//Ricoh Europe (studio di cui Meg Portrait Review si è già occupata), la sindrome del figlio di mezzo frena non soltanto queste aziende, ma l’intera economia europea. La buona notizia è che le medie aziende sono molto dinamiche e hanno fiducia nelle loro possibilità. Nell’ultimo anno il tasso di crescita medio delle aziende coinvolte nella ricerca è stato del 16,5% e una su cinque è cresciuta di oltre il 30%. Si tratta di un ottimo risultato considerando che il tasso di sviluppo europeo complessivo (2015) si è attestato all’1,8%. Sebbene le medie aziende siano molto differenti una dall’altra, dalla ricerca Coleman Parkes/Ricoh sono emersi alcuni aspetti comuni. Ecco, secondo le imprese interpellate, quali sono le priorità di business per i prossimi due anni. Sviluppo di nuovi prodotti/servizi. Le medie aziende europee stanno cercando nuovi modi per ampliare il proprio portfolio di prodotti e servizi. Questo è particolarmente vero nei mercati in rapida crescita, come ad esempio la Russia, dove il 51% delle aziende del campione ha identificato il lancio di nuovi prodotti e servizi come assoluta priorità. In Italia la percentuale che ha indicato tale aspetto è del 42%. Per il 25% delle aziende europee l’implementazione di tecnologie digitali è stata fondamentale per generare nuove opportunità di fatturato, mentre il 24% ha affermato di aver ampliato grazie a esse la propria quota di mercato. La maggior parte delle aziende è convinta che l’utilizzo di strumenti per l’analisi dei dati sia fondamentale per conoscere meglio i propri clienti. Purtroppo però molto spesso queste aziende non hanno né le risorse finanziarie necessarie per investire in innovazione tecnologica né le competenze per gestirne l’implementazione. Gestione della crescita. Nei prossimi due anni le aziende di Paesi quali Francia (34%), Italia (30%) e Regno Unito (30%) si troveranno a gestire una forte crescita del proprio business. Questa è un’attività molto importante per le realtà che stanno abbandonando la dimensione di piccola azienda e che hanno quindi necessità di implementare processi e strutture formalizzate e sistemi di governance. Dalla ricerca emerge che il 38% delle medie aziende europee sta pianificando di quotarsi in borsa, mentre il 21% intende attuare operazioni di merger and acquisition.  Innovazione dei processi e utilizzo di tecnologie per guadagnare vantaggio competitivo. Le medie aziende sono consapevoli dell’importanza dell’ottimizzazione dei processi (aspetto indicato dal 42% del campione italiano), ma molte stanno incontrando difficoltà in questo percorso di miglioramento. La maggior parte (77%) afferma che per rimanere competitive sia necessario innovare i processi utilizzando la tecnologia. Sfortunatamente il 27% ha difficoltà nell’ottenere finanziamenti. Le tecnologie per la digitalizzazione sono un’area di grande interesse. Tra i vantaggi ottenuti dalle medie aziende italiane che hanno già implementato tecnologie per la digital transformation vi sono: miglioramento del servizio ai clienti (indicato dal 38% del campione italiano), riduzione dei costi (38% del campione italiano) e ottimizzazione delle comunicazioni con i clienti (37% del campione italiano) .  Miglioramento della produttività dei dipendenti. Molte aziende di medie dimensioni hanno difficoltà nell’attirare nuovi talenti (fattore indicato dal 24% delle aziende italiane – media europea: 27%) perché le persone preferiscono lavorare in imprese di grandi dimensioni. Il 58% del campione attribuisce questa difficoltà anche al fatto che non vengono messe a disposizione dei dipendenti tecnologie digitali all’avanguardia, un aspetto ritenuto molto importante specialmente dalle nuove generazioni. Per favorire l’ingresso in azienda di giovani talenti, le medie aziende devono disporre di soluzioni che consentano loro di svolgere al meglio il proprio lavoro e di essere produttivi. Il 32% del campione ha citato proprio l’aumento della produttività dei dipendenti come uno dei vantaggi ottenuti grazie alle tecnologie digitali.  Innovazione tecnologica per trasformare il business. Il 26% del campione ha citato la trasformazione digitale come una delle priorità per i prossimi due anni. Ma allo stesso tempo l’innovazione tecnologica è considerata una sfida a causa della mancanza di finanziamenti. Le aziende di medie dimensioni dovrebbero mantenere una visione ampia dell’Ict piuttosto che focalizzarsi su singole problematiche e applicazioni, e valutare soluzioni per le comunicazioni digitali e la collaborazione –si pensi ad esempio a lavagne interattive e sistemi per la videoconferenz – per creare ambienti di lavoro moderni e in grado di attrarre i migliori talenti. Capire in che modo intraprendere questo percorso di cambiamento verso la trasformazione digitale può non essere semplice e collaborare con partner e vendor fidati è un must per riuscire a superare la sindrome del figlio di mezzo che sta frenando lo sviluppo delle medie imprese.

A cura di David Mills, ceo di Ricoh Europe

Continue reading

“Kartell à la mode” by Paula Cademartori in anteprima alla Rinascente di Milano

1252

Enrica GoverniWritten by:

Presentata in grande spolvero alla Rinascente di Milano l’ anteprima della collezione P/E 2017 di “Kartell à la mode by Paula Cademartori”, nell’ambito di #EnjoyTheFrontRow, un progetto di ampio respiro che dedica cinque giorni di sfilate ed eventi ad alcuni dei  brand più cool del fashion.

La  collezione, composta da un sandalo e una borsa in colori a dir poco esplosivi è ispirata al paradiso tropicale della città carioca, il Giardino Botanico di Rio de Janeiro.

 

I fiori sono il tema dominante sia della borsa Parati realizzata in plastica a iniezione e giocata su motivi di traforo con due mani unite a formare un cuore, richiamo al tema dell’amore universale, e anche del sandalo Claudia, che gioca sull’ effetto bicolore.

 

La divisione Kartell à la mode, attiva dal 2008 grazie alla collaborazione con Paula Cademartori, arricchisce così la sua offerta di prodotti grazie alla partnership con i marchi di punta del mondo del fashion.La nuova linea di accessori sarà disponibile nei negozi e sui canali di vendita online a partire da gennaio 2017.

 

Condividi:

Continue reading

Viscom a Milano dal 13 al 15 ottobre

546

Written by:

A Milano, dal 13 al 15 ottobre 2016, saranno a disposizione dei visitatori di Viscom Italia presso lo stand di Ricoh (Padiglione 8, Stand H19), applicazioni innovative e tradizionali per la decorazione di interni ed esterni.

Le applicazioni saranno realizzate mediante la serie Ricoh Pro L4100 latex che supporta fino a sette colori in differenti configurazioni. Oltre al CMYK sono infatti disponibili gli inchiostri arancio, verde e bianco.

Grazie ai nuovi inchiostri latex AR Ricoh non ci sono più limiti all’immaginazione: aumenta la flessibilità nella gestione dei supporti per realizzare innumerevoli applicazioni, anche su materiali molto leggeri o sensibili al calore. I nuovi inchiostri si asciugano più rapidamente aumentando la produttività e sono stati sviluppati in un’ottica di ecosostenibilità. Hanno infatti ricevuto la certificazione Greenguard Gold da parte dell’ente UL Environment per le basse emissioni chimiche. Vetrofanie, wrapping, tele, calpestabili, carta da parati e nobilitazione della stampa con colori speciali metallici sono solo alcuni esempi delle applicazioni che i visitatori potranno toccare con mano presso l’application gallery di Ricoh.

Afferma Giorgio Bavuso, direttore della divisione Production Printing di Ricoh Italia: «i nostri clienti hanno la necessità di realizzare nuove applicazioni sempre più creative per estendere i servizi di stampa offerta. A Viscom mostreremo tutte le opportunità offerte dalle nostre tecnologie nell’ambito della comunicazione visiva. Ricoh Pro L4100 sarà in funzione per mostrare con quanta semplicità sia possibile concretizzare idee e progetti ad alto valore aggiunto».

Durante la manifestazione sarà presentata al mercato italiano la nuova Ricoh MP CW2201SP progettata per applicazioni CAD/GIS e graphic arts.

A completamento dell’offerta Ricoh per la comunicazione visiva saranno presenti allo stand i proiettori della nuova gamma ad ottica ultra corta. Ideale per applicazioni di Digital Signage e per l’allestimento di eventi, Ricoh PJ WX4152NI è in grado di proiettare ad una distanza ridotta dalla parete (11-25 cm) con dimensioni da 48’’ a 80’’ e una luminosità di 3500 lumen. Il sistema è dotato di connettività LAN wired e wireless simultanee e di un kit grazie al quale è possibile realizzare presentazioni interattive. Posizionando il proiettore orizzontalmente, è possibile proiettare l’immagine su un tavolo trasformandolo così in un desk interattivo.

Continue reading

Lorenzo Marini, da Art Basel Miami alla Permanente di Milano

1156

Written by:

«Il cambio del paradigma dell’alto che diventa basso (pop) vale anche col

suo opposto, cioè nell’innalzare il quotidiano a livello artistico. In

questo caso il quotidiano è il type, liberato dalla sua componente

ossessivamente funzionale e riproposto nella sua area visual

desemantizzata». Queste, secondo le parole dell’autore, le premesse concettuali di “Type visual”, la personale di Lorenzo Marini che si inaugura giovedì 6 ottobre, presso il Palazzo della Permanente di Milano, in via Turati 34, con cui il Maestro presenta l’ultima evoluzione del suo percorso creativo: l’esaltazione della ricerca dell’alfabeto e più specificamente delle font dei caratteri grafici. Marini, che oltre a essere un artista è uno dei più noti art director a livello internazionale, continua cosi: «L’intenzione estetica soggiacente riemerge con energia dal territorio delle grammatica. Gli spazi di una singola lettera diventano pretesto per meditare, approfondire, reinterpretare ogni singola lettera. Un intero alfabeto seguito dove ogni singola lettera occupa un metro per un metro di tela e viene celebrata, illustrata, rielaborata secondo il solo criterio

dell’architettura degli spazi. Ricerca presente in tutto il mio lavoro artistico. Qui la mappatura dei pieni e dei vuoti si rivolge dentro il cerchio, il triangolo e il

quadrato, che sono le macro geometrie cataloganti il font tipografico.

Per la prima volta uso il colore, ma poi lo ricopro con la neve del

bianco. Per frapporre tra l’opera e lo sguardo del pubblico una sorta di

silenzio preservante».

La personale di Marini, presentata dal critico e conduttore televisivo Giorgio Grasso, già co-curatore della Biennale di Venezia del 2011, proseguirà per tutto il mese d’ottobre.

Marini vanta una apprezzata presenza anche negli States. Lo scorso dicembre ha esposto 8 opere a Miami nella settimana di Art Basel, la più importante fiera d’arte americana. Tra le sue ultime attività spicca una personale in contemporanea, lo scorso aprile, presso gli spazi eventi dei Megastore Mondadori Duomo e Marghera, a Milano (nell’ambito del Progetto St-Art, l’artista del mese) e la Gallery Center Soho di New York. Mentre in luglio è stato presente, unico autore italiano, con 7 dipinti in una collettiva presso la George Bergèr Gallery New York, la galleria che lo rappresenta negli Stati Uniti.

Condividi:

Continue reading