Economy

L’innovazione in Omniserver è firmata Ricoh

428

Written by:

 

Nata nel 1989 da un gruppo di professionisti nel campo dei servizi grafici, Omniserver è un’azienda dinamica, con sede a Novara, che garantisce servizi di stampa professionale a 360°. L’offerta di Omniserver è rivolta a tipografie offset che hanno necessità di realizzare lavori in digitale, ad agenzie pubblicitarie oppure ad aziende di tutti i settori di mercato, tra cui quello della moda e il farmaceutico. Per offrire ai propri clienti innovazione e qualità, Omniserver si innova in modo costante, sempre attenta ai nuovi trend e alle possibilità tecnologiche nell’ambito, ad esempio, della personalizzazione e dei supporti.

Racconta Paolo De Gregori, titolare di Omniserver: «Quando siamo nati, il nostro focus era la fotocomposizione, poi abbiamo seguito l’evoluzione del mercato fino ad arrivare al mondo digitale. Ogni due o tre anni aggiorniamo le nostre tecnologie per rispondere alle esigenze dei clienti e cogliere opportunità sempre nuove. In questo percorso di innovazione tecnologica è molto importante il confronto con Ricoh, azienda di cui apprezzo molto l’approccio, l’efficienza dell’assistenza tecnica e la capacità di consigliarci non solo le tecnologie ma anche come utilizzarle al meglio».

In ambito grande formato, Omniserver ha utilizzato in passato differenti tecnologie, dagli inchiostri a base acqua ai solventi, dagli ecosolventi all’UV, fino a scegliere il latex di Ricoh.  Ricoh Pro L4160 consente la stampa su un’ampia gamma di media tra cui vinile, supporti tessili come canvas e tela, pellicole trasparenti. Tra le principali applicazioni realizzate vi sono vetrofanie, calpestabili, carta da parati e, più in generale, elementi per l’interior decoration e la riqualificazione degli interni.

«Tra gli aspetti che apprezziamo maggiormente», commenta De Gregori, «ci sono gli inchiostri latex che hanno un’ottima tenuta e possono essere utilizzati su numerosi materiali per interni ed esterni. Questi inchiostri, inoltre, sono inodori e si asciugano rapidamente. Abbiamo valutato molto positivamente le performance della soluzione Ricoh Pro L4160, tanto che dopo qualche tempo abbiamo installato un secondo dispositivo per aumentare la produzione».

Per quanto riguarda la stampa digitale a foglio singolo, Omniserver ha scelto Ricoh Pro C7100X dotata della quinta stazione colore. Conclude De Gregori: «Stiamo per installare una seconda postazione produttiva, in modo che la quinta stazione di una verrà utilizzata per la stampa del bianco e quella dell’altra per il trasparente. Questi colori speciali portano nuove possibilità. Il bianco è stato utilizzato nella produzione di cartoncini oppure di calendari, mentre con il trasparente abbiamo realizzato numerosi folder e la copertina di un catalogo ad impressione tramite matrice, solo per fare alcuni esempi. Le applicazioni sono infinite. La nostra attenzione al cliente va ‘oltre la stampa’: ascoltiamo le sue esigenze, troviamo l’applicazione più adatta e partecipiamo anche al processo creativo per realizzarla. Per i nostri clienti siamo un consulente, un partner di valore che può aiutarli davvero a migliorare l’impatto delle comunicazioni stampate».

Condividi:

Continue reading

In prima linea nella lotta contro l’Alzheimer

518

Written by:

Ricoh Italia ha deciso di prendere parte alla lotta contro una malattia che ormai colpisce milioni di persone in tutto il mondo e per la quale al momento non esistono rimedi in grado di rallentarne o contrastarne la progressione: l’Alzheimer. In particolare, Ricoh Italia dà il proprio contributo supportando “il paese ritrovato”, il primo villaggio in Italia dedicato alla cura di persone con forme di demenza e affette dalla sindrome di Alzheimer. Situato a Monza (MB), il centro è stato realizzato dalla cooperativa La Meridiana che da quarant’anni gestisce progetti in grado di coniugare una buona qualità di vita per il malato e costi sostenibili per i familiari.

Racconta Roberto Mauri, direttore de La Meridiana: «Il paese ritrovato  è organizzato come un piccolo borgo, così da permettere ai pazienti di condurre una vita quasi normale e di sentirsi a casa ricevendo nel contempo le cure necessarie. Oltre ad appartamenti strutturati per accogliere ciascuno 6-8 malati, sono presenti negozi, una chiesa, una banca e un ristorante, affinché le persone possano mantenere il più a lungo possibile la propria quotidianità e quindi le abilità residue».

Un luogo “reale” che vuole rallentare il decadimento cognitivo e ridurre al minimo le disabilità, offrendo alla persona residente l’opportunità di continuare a vivere una vita adeguata alle sue capacità e ai suoi bisogni.

Tra le sperimentazioni all’interno del centro –la cui inaugurazione si è svolta il 24 febbraio 2018 – vi sono attività di stimolazione cognitiva multisensoriale supportate da sistemi tecnologici che, favorendo l’interazione e la fruizione immersiva di contenuti, offrono nuove possibilità di mantenimento e miglioramento delle capacità.

Ed è qui che entra in gioco Ricoh Italia. Le soluzioni per la visual communication donate da Ricoh –tra cui lavagne interattive e proiettori verticali– verranno utilizzate nei laboratori multisensoriali e saranno alla base delle attività di stimolazione. Stampanti e multifunzione Ricoh saranno invece a disposizione degli operatori sanitari e scientifici che lavorano nella struttura.

Commenta Davide Oriani, Ceo di Ricoh Italia: «siamo rimasti molto colpiti da questo progetto assolutamente all’avanguardia e da questo nuovo modello di cura che ricrea la quotidianità e il reale per favorire il benessere dei malati. Ricoh Italia è da sempre attenta alle persone e al nostro territorio, realizzando progetti e iniziative che portano vantaggi concreti per le comunità locali. Le nostre tecnologie multimediali possono dare un apporto concreto a questo luogo che senza dubbio ricopre una grande importanza sul piano socio-sanitario».

Le attività di stimolazione cognitiva sono il frutto di numerosi percorsi di ricerca che coinvolgono Università ed Enti. Il valore terapeutico del progetto monzese sarà monitorato a livello scientifico da tre realtà italiane d’eccellenza: il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), il Politecnico di Milano e la Fondazione Golgi Cenci (uno dei più importanti enti italiani per la ricerca sulle degenerazioni cerebrali) che sulla base dei dati raccolti cercheranno di strutturare un modello di accoglienza replicabile su scala nazionale e mondiale.

Il supporto di Ricoh Italia al Villaggio si rispecchia nell’impegno di Ricoh in tutta Europa per la lotta contro l’Alzheimer. Ricoh Europe ha stretto una collaborazione con Alzheimer’s Research, la più importante associazione mondiale alla ricerca di un trattamento contro la demenza. Ricoh Europe e Alzheimer Research daranno vita a campagne di sensibilizzazione, raccolte fondi e progetti specifici, molti dei quali basati sulle tecnologie di stampa Ricoh e sulle sue competenze digitali.

Condividi:

Continue reading

In aprile appuntamento con Exposanità

410

Written by:

Ricoh Italia sarà presente ad Exposanità 2018, il più grande evento internazionale dedicato al settore della sanità e dell’assistenza che si svolgerà a Bologna dal 18 al 20 aprile. Giunta alla 21a edizione, la manifestazione rappresenta un’importante occasione di incontro per delineare prospettive e scenari di questo settore.

 

«La sanità», commenta Simone Burroni, Healthcare Business Development Manager di Ricoh Italia, «si sta rapidamente muovendo verso la digitalizzazione non solo dei documenti, ma di interi processi. La tecnologia è la chiave di questa trasformazione. Ad Exposanità mostreremo agli operatori del settore in che modo le soluzioni Ricoh migliorino l’accesso ai dati, la condivisione delle informazioni e, di conseguenza, la cura del paziente».

In particolare, saranno sotto i riflettori presso lo spazio Ricoh (stand B48, Pad. 19):

  • Ricoh Patient Workflow Management: sistema self-service che automatizza i processi di registrazione e accettazione dei pazienti
  • Ricoh eRecord Mobile: soluzione che, abbinata con le fotocamere digitali Ricoh G800SE, migliora l’acquisizione delle immagini sanitarie e il caricamento delle stesse nel sistema di gestione documentale
  • Ricoh Interactive Whiteboard D6510: lavagna interattiva in grado di semplificare la condivisione di informazioni, referti ed esami, anche tra medici ed equipe che hanno necessità di collaborare a distanza
  • Le soluzioni IT del partner MAC Solution e i software gestionali di DTS Consulting, specifici per il settore sanitario e integrati con i workflow Ricoh

Aggiunge Burroni: «Per noi è un momento importante per confrontarci con i visitatori e con altri operatori sui trend che le aziende del settore sanitario devono tenere in considerazione per una sanità all’insegna dell’innovazione e dell’efficienza».

Condividi:

Continue reading

Una piattaforma per la Supercollaboration

399

Written by:

Ise è un appuntamento importantissimo per molte aziende,e anche per Ricoh. Questa manifestazione, che si tiene ogni anno presso il RAI Exhibition and Convention Centre di Amsterdam, richiama migliaia di professionisti provenienti da tutto il mondo per scoprire le più recenti innovazioni tecnologiche per gli ambienti di lavoro. Quest’anno Ise ha accolto oltre 80.000 visitatori, il numero più alto in tutta la storia della manifestazione.

Ricoh ha partecipato per la terza volta consecutiva a Ise per condividere con i visitatori la propria piattaforma per la Supercollaboration che permette alle persone di collaborare meglio, indipendentemente dal luogo in cui si trovano. In particolare, i visitatori hanno potuto conoscere da vicino: la nuova gamma di smart controller per le lavagne interattive; la lavagna interattiva Ricoh che integra l’intelligenza artificiale di IBM Watson™, un huddle space per mostrare le possibilità del sistema Ricoh P3500M per la Unified Communication.

È innegabile che Ise sia stato un successo per Ricoh. Abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con centinaia di visitatori, analisti e clienti, ai quali abbiamo presentato i nostri Communication Services, numerosi casi di successo e le soluzioni Ricoh che abilitano il Digital Workplace.

Mi pongo una domanda: «cosa abbiamo imparato a Ise sulle nuove frontiere della Collaboration?». Abbiamo avuto molte riconferme ad esempio sul fatto che la Collaboration sia una sfida chiave per le aziende di tutte le dimensioni e di tutti i settori. Dal punto di vista delle aziende tecnologiche presenti, ISE 2018 ha riconfermato ancora una volta come l’innovazione e l’attenzione al cliente debbano rimanere il focus.

 

David Mills, CEO di Ricoh Europe

ricoh_ise-2018

Condividi:

Continue reading

Flessibilità vo cercando

475

Written by:

Agilità e flessibilità sono in cima all’agenda dei dirigenti delle Pmi europee che vorrebbero innovarsi grazie al Digital Workplace. La maggior parte (86%) dei manager del campione d’indagine coinvolto in un nuovo studio commissionato da Ricoh afferma che il focus principale di quest’anno è appunto la flessibilità. In Italia la percentuale sale al 90%.

Nel nostro Paese il 41% del campione (una percentuale più bassa della media europea che si attesta al 51%) sta introducendo in azienda tecnologie che permettono di cogliere nuove opportunità e il 50%, in linea con la media del resto d’Europa, è convinto che senza innovazione tecnologica la propria azienda sia destinata al fallimento entro 5 anni.

A quali tecnologie dare la precedenza?

I manager italiani delle Pmi danno priorità alle tecnologie che rispondono alle esigenze dei dipendenti. Sono convinti che l’automazione (76% del campione italiano; media europea: 72%), i data analytics (72% in Italia; media europea: 64%), il document management (83% in Italia; media europea: 62%) e le tecnologie per la collaboration tra cui la videoconferenza (64% in Italia; media europea: 56%) avranno un impatto molto positivo sul business.

Javier Diez-Aguirre, VP Corporate Marketing di Ricoh Europe, commenta: «Le Pmi europee puntano molto in alto. Come conseguenza del contesto di mercato, i manager vogliono assolutamente identificare nuove opportunità e sfruttare al massimo i trend del momento. Sono consapevoli del fatto che la flessibilità sia un requisito fondamentale per competere, fronteggiare i cambiamenti e utilizzare al meglio le tecnologie. Risulta chiaro come la flessibilità venga considerata dai manager delle Pmi una priorità assoluta e non una prerogativa delle grandi aziende».

Grande fiducia nel Digital Workplace

La produttività e l’innovazione tipiche del Digital Workplace sono fattori chiave per il successo del business. L’89% delle Pmi italiane (la media europea è del 70%) afferma che la tecnologia è alla base della capacità di crescere ed espandersi e questo indica una grande fiducia nei confronti della trasformazione digitale.

Sintetizza Diez-Aguirre: «i manager delle Pmi non sono attratti da tecnologie come realtà virtuale o blockchain, ma danno priorità agli investimenti con un impatto diretto e chiaro sulla bottom-line. È opportuno considerare con attenzione in che modo la tecnologia possa permettere ai dipendenti di lavorare più velocemente e in modo più smart, rendendo così l’azienda agile e flessibile. In caso contrario, il rischio è quello di causare il fallimento del business mentre il resto delle imprese si espande ulteriormente nel mercato».

empowering-digital-workplaces_2-1

Condividi:

Continue reading

Come cresce la videoconferenza portatile

582

Written by:

Condividi:

Continue reading

Un Premio per le aziende positive

861

Written by:

Si è tenuta giovedì 8 giugno, nella consueta cornice dello Spazio Gessi di via Manzoni a Milano, la Premiazione della quarta edizione del “Positive Business Award”, iniziativa che  consacra le imprese che innovano, si distinguono e crescono insieme alle proprie risorse; imprese che sono accomunate da un principio comune: fanno della positività il valore fondante della propria organizzazione e il motore della produttività.

Il premio è creato e organizzato dalla Scuola di Palo Alto, la principale Business School italiana non accademica, nonché referente italiana della Positive Education.

Sponsor della manifestazione, Enterprise Hotel  della catena italiana Planetaria Hotels, annoverato tra gli hotel più prestigiosi di Milano, unico in Europa ad avere una immersive room, una sala con proiezione a 360° e  Carioca, l’azienda italiana che da 50 anni permette a grandi e piccini di tutto il mondo di esprimere la propria creatività attraverso pennarelli, penne, matite, pastelli e tanti altri strumenti da disegno.

Ancora una volta, l’evento è stato condotto da Enrico Banchi, partner della Scuola di Palo Alto e speaker di fama internazionale affiancato da Giulia Casoli, Trainer della Scuola.

Ecco le aziende vincitrici nelle rispettive categorie: Zeta Service (Company), Montefarmaco OTC (History), Thun (Sustainability–sociale e Location), Banco BPM (Sustanaibility–economica e Baby Thinking Company), SCM (nelle persone di Antonello Sanna e Francesco Barbato nella categoria People–Succesful Experience e Alessandro Bernazzani come Young Talent),  Valentina Cangiano (Young Business Woman), Casa Sacla’ (Happy Start Up e Food Experience), Gessi (Image) Servizi CGN (Vision e Network), CloudTel (Innovation–Product Launch), Megal (Innovation–Repositioning),  Pensallasalute.com (Web Presence), Prodeco Pharma (Pharma Company),  Predict (Technology), LinkedIn (Social Network), Ikea (Buying Experience), Agos (Training), Matrix, nella persona del suo conduttore, Nicola Porro (Media), Gabriele Tagi (Manager), Il Prisma (Innovation), In Job (Team), Zoom Torino  (Sustainability– Ambientale e Communication), 7Pixel (Sustainability).

Assegnati anche tre Premi Speciali, “Positive Sport Leader” al mitico centrocampista del Milan e della Nazionale Demetrio Albertini; “Positive Show-woman” alla total show woman Simona Ventura; “Positive Education & Sport Foundation” alla Fondation Princesse Charlène de Monaco.

Il “Positive Business Award 2017” è stato consegnato a Predict azienda con sede a Bari che, nata nel 2008 come distributore commerciale di apparecchiature medicali di imaging diagnostico in vivo per General Electric, negli anni è riuscita a cogliere gli stimoli derivanti dalla partnership con GE sviluppando nel contempo una strategia fatta di attenzione per le risorse umane, focalizzazione sulle esigenze dei clienti (in gran parte medici specialisti), eccellenza nella qualità dei servizi offerti (consulenza nella vendita, training applicativi, assistenza tecnica post–vendita). In questo modo, è riuscita a conquistare notorietà e autorevolezza negli ambienti sanitari pubblici e privati, sviluppando nel contempo nuove aree di business. Forte di questa esperienza, l’azienda ha sviluppato altre iniziative in maniera autonoma , tra cui il progetto OPTIP che porta la realtà aumentata nel settore medicale. OPTIP consente infatti di assistere in “olopresenza” i propri clienti nella risoluzione di guasti dei macchinari, con miglioramenti per  i processi interni e riducendo al contempo l’impatto dell’interruzione del servizio per medici e pazienti. Pertanto, grazie all’utilizzo di OPTIP, il service di Predict guida il cliente step by step nella risoluzione di una vasta gamma di problemi dell’apparecchiatura senza la necessità di recarsi sul luogo, tutto attraverso gli Hololens e una tecnologia di supporto sviluppata ad hoc.

Spiega Marco Masella, presidente della Scuola di Palo Alto: «Abbiamo voluto consegnare un riconoscimento a quelle realtà  che indicano come rotta della loro bussola la cura delle persone, lo sviluppo delle relazioni, la circolazione delle idee . Ambienti di lavoro dove poter esprimersi al meglio; dove impegno, passione e determinazione si respirano ad ogni latitudine della piramide gerarchica; dove futuro e cambiamento sono parole che non fanno paura ma, al contrario, stimolano a crescere ed evolversi costantemente”.

Ma non finisce qui: al termine della serata è stata annunciata la quinta edizione del Positive Business Award nel 2018.

 

Credit: Foto di Alberto Dello Iacono e Massimiliano Malabarba per The Way Magazine – Fine Living Peopleù

Condividi:

Continue reading

Il Piccolo Teatro conferma Ricoh come partner per il Data Center

678

Written by:

Da anni il mondo del teatro ha accolto l’innovazione tecnologica che ha aperto nuove frontiere caratterizzate da interattività e multimedialità. E dietro le quinte? L’Ict può fare la differenza? Nel 2011 il Piccolo Teatro di Milano ha intrapreso con il supporto di Ricoh un percorso di innovazione dell’infrastruttura di Information Technology che di recente ha conosciuto ulteriori sviluppi per rispondere a nuove esigenze e supportare meglio il core business.

Racconta Gioacchino Giannelli, Responsabile IT del Piccolo Teatro di Milano: «Il Data Center è una risorsa per noi strategica, poiché ospita applicazioni fondamentali quali gli archivi multimediali del Piccolo e alcuni siti internet, cui si aggiungono il sistema paghe e contabilità e le soluzioni per la gestione delle timbrature e l’archiviazione documentale. Nel 2011, dopo aver valutato diversi fornitori, ci siamo affidati a Ricoh che era già nostro interlocutore per i servizi di printing e gestione documentale. Grazie alle proprie competenze consulenziali e sistemistiche, Ricoh ha progettato l’intera infrastruttura dal punto di vista dell’hardware e del software in un’ottica di virtualizzazione, integrazione e consolidamento».

 

In questi anni l’infrastruttura Ricoh ha consentito al Piccolo Teatro di raggiungere l’obiettivo di realizzare un IT “always on” grazie a sistemi sempre disponibili e altamente affidabili. Le esigenze però sono cambiate: da un lato sono aumentati i volumi di dati da gestire e, dall’altro, sono stati installati nuovi applicativi più performanti e una nuova soluzione di ripristino dei sistemi. Si è quindi reso necessario adeguare rapidamente le tecnologie e, anche questa volta, Ricoh ha realizzato un Data Center di ultima generazione gestendo la migrazione dalla vecchia alla nuova infrastruttura tecnologica senza che vi fosse alcun impatto sulle attività.

Oltre a nuovi server (si è passati da 15 a 25 server virtuali e da due a tre nodi fisici), sono stati installati un nuovo sistema di back-up e una soluzione di storage convergente che rende tutte le operazioni più veloci e sicure. Continua Gioacchino Giannelli: «il data center è stato progettato lasciando la strada aperta a future evoluzioni nella salvaguardia degli investimenti già effettuati: stiamo ad esempio valutando l’installazione di un nuovo gestionale e l’infrastruttura tecnologica sarebbe eventualmente già pronta all’upgrade».

 

Le Piccole e Medie Imprese possono trarre grandi vantaggi da un’infrastruttura IT unificata e automatizzata. «Capitalizzare le risorse IT», aggiunge Gioacchino Giannelli, «è importante per le Pmi che dovrebbero guardare con occhio critico ai Data Center già esistenti e valutare in che modo trasformarli grazie ai nuovi paradigmi dell’IT. Un consiglio riguarda la selezione del fornitore: è importante scegliere partner che, come Ricoh, siano in grado di ascoltare le problematiche del cliente ed abbiano una visione aperta su tutto il mercato per garantire un’innovazione che sia a portata di Pmi. Una serie di fattori, tra cui ad esempio il GDPR (General Data Protection Regulation), rendono indispensabile agire fin da subito e questa può essere anche l’occasione per introdurre nuove tecnologie che rispondano alle necessità di produttività e di crescita di queste imprese».

 

Condividi:

Continue reading

Jackie di Publicis Italy per Heineken vince il Grand Prix

684

Written by:

Al Teatro Nazionale CheBanca! di Milano si è celebrata la 30esima edizione dell’International GrandPrix Advertising Strategies, l’evento di TVN Media Group dedicato alle migliori strategie di marca.

Ad aggiudicarsi il riconoscimento più alto del Premio è stata la campagna Jackie per Heineken realizzata dall’agenzia Publicis Italy con la cdp Berlin/Independent. A incoronare il vincitore 2017 è stato il pubblico in sala, riunitosi per la cerimonia condotta da Piero Chiambretti, accompagnato sul palco da Cristina Chiabotto.

Al secondo posto si è classificato Waterbook per Ferrarelle firmato da Havas Milan con la cdp The Family, mentre sul terzo gradino del podio è arrivato Fiat 500S – Test per FCA con creatività di Leo Burnett Company e prodotto da Enormous Films.

Anche quest’anno, hanno confermato la loro presenza al GrandPrix partner autorevoli, al fianco del Premio per promuovere e fare cultura del settore.

È il caso di IAB Italia, che ha inserito all’interno del contesto dell’International GrandPrix Advertising Strategies per il secondo anno consecutivo lo IAB Mixx: a vincere la sesta edizione di IAB Mixx 2017 è stata la campagna Yellow Advice di DlvBbdo per CheBanca!.

Proprio dalla partnership con l’Istituto del Gruppo Mediobanca è nato in questa trentesima edizione il Premio Speciale ‘Comunicazione e Innovazione CheBanca!’, riconoscimento che, interpretando i valori del brand di ‘Innovazione, Cambiamento e Prospettiva’, è stato assegnato durante la serata di gala all’architetto Stefano Boeri, personaggio che si è particolarmente distinto nella sua carriera per queste tre caratteristiche.

Carrefour Italia ha ricevuto il ‘Premio Comunicazione e Linguaggi Innovativi’, attribuito all’azienda che nell’ultimo anno si è particolarmente distinta per l’innovazione della propria strategia di comunicazione.

L’approccio dell’insegna della gdo ha sovvertito le regole dell’advertising tradizionale grazie a operazioni come #LaMarchetta, la web serie scritta con i The Jackal, collettivo di video maker presente per l’occasione alla serata. Consegna il Premio uno degli youtuber italiani più amati, Lorenzo Ostuni, in arte FaviJ.

A Mondadori Store è andato il ‘Premio Comunicazione e Retail’, per aver saputo rinnovare la propria strategia di comunicazione e di brand, investendo in modo crescente sull’integrazione di strumenti diversi. Il Premio è stato consegnato da Elena Liotta, giornalista e scrittrice.

Dalla partnership con Mediamond ritornano i Mediamond Radio Awards, il premio speciale che celebra le migliori campagne radiofoniche degli ultimi 12 mesi ha visto 3 progetti vincitori: Amazon Black Friday di Amazon si è aggiudicato il riconoscimento come Miglior Campagna Radio Native, Nuova Mini Cooper Seven di M&C Saatchi per BMW ha vinto  come Miglior Creatività Radiofonica e Play with Time – L’aperitivo perfetto di OMD per Martini & Rossi come Miglior Campagna Radio Engagement & Branded Content.

Print Power – con il testimonial d’eccezione Cristiano Militello – nuovamente insieme al GrandPrix per una valorizzazione della comunicazione su carta, ha premiato la campagna The Big Mistake per Discovery Italia realizzata da Brand Portal con la cdp Dresscodefilm.

Pubblicità Progresso ha attribuito il ‘Pubblicità Progresso Social Award’ a Nadia Toffa, per l’impegno sociale profuso insieme alle Iene.

L’agenzia Lorenzo Marini Group ha ricevuto il riconoscimento The Independent Agency Of The Year. Nell’occasione, uno dei grandi ospiti della serata, Renzo Arbore, ha definito le campagne di Marini “sempre tra le più belle”.

 

La serata di Gala ha visto sfilare sul red carpet il gotha della comunicazione e personaggi dello spettacolo, della cultura, delle istituzioni e dello sport. Alessandro Benetton, neo presidente di Cortina 2021, l’ente organizzatore dei mondiali di Sci  Alpino che si terranno in Italia tra quattro anni, cognome importante per l’imprenditoria italiana, fondatore di 21 Investimenti, Presidente per dieci anni di Benetton Formula ha ritirato il ‘Premio Comunicazione e Impresa’ consegnatogli da Salvatore Ippolito Amministratore Delegato di Agi.

Ad Arbore è stato consegnato il ‘Premio Comunicazione e Musica’ direttamente da Claudio Cecchetto uno dei più grandi produttori discografici italiani, per aver comunicato la musica del Bel Paese nel mondo.

Lino Banfi, attore, icona del cinema italiano e popolare volto televisivo, ha ricevuto il ‘Premio Comunicazione e Spettacolo’. A premiarlo Demetrio Albertini, storica bandiera dell’A.C. Milan e della Nazionale Italiana.

Il ‘Premio Comunicazione e Letteratura’, consegnato dal Direttore di TGCOM24 Paolo Liguori, è andato a Martín Guevara Duarte, il nipote del rivoluzionario più famoso del mondo che ha raccontato gli anni dell’adolescenza a Cuba nel libro ‘A la sombra de un mito’.

Il premio va oltre i confini nazionali con la presenza al suo fianco anche nel 2017 di partner internazionali tra cui AdForum.com e New York Festivals, che ha assegnato il New York Festival Special Awards al progetto Jackie di Publicis Italy per Heineken. C4C, iniziativa di World Bank, di nuovo insieme a TVN Media Group ha ribadito la lotta contro il cambiamento climatico.

Tra gli altri partner, American Express, Depositphotos, Johannes, Ligatus, Sagam, Cordenons. A chiudere la serata il Cocktail by Campari. Con l’hashtag #GrandPrix30 lo spettacolo si allarga sulle piattaforme digitali.

Condividi:

Continue reading

Il GrandPrix advertising festeggia 30 anni con Arbore, Banfi e Guevara Duarte

661

Written by:

Il più importante premio per la comunicazione tra quelli tenuti in Italia, l’International GrandPrix Advertising Strategies, compie 30 anni e li festeggia alla grande.

L’appuntamento con il Premio di TVN Media Group di Rino Moffa, dedicato alle migliori strategie di marca ha luogo il 24 maggio al Teatro Nazionale Che Banca! di Milano. La serata di premiazione riunirà la crème della pubblicità accanto a ospiti nazionali e internazionali del mondo dello spettacolo, della cultura, delle istituzioni e dello sport, ai quali verranno assegnati riconoscimenti per essersi distinti, nei rispettivi settori di competenza, utilizzando la comunicazione in modo particolarmente innovativo ed efficace.

Tra i personaggi a salire sul palco, un artista che ha fatto la storia della radio e della televisione italiana, Renzo Arbore. Allo showman (e tanto altro ancora) verrà consegnato il Premio Comunicazione e Musica per il suo impegno nell’aver comunicato la musica napoletana attraverso l’Orchestra Italiana, con la quale gira il mondo da 27 anni.

Anche un altro pugliese, Lino Banfi, icona del cinema italiano e popolare volto televisivo, amato da un pubblico trasversale alle generazioni, sarà presente alla serata dell’International GrandPrix Advertising Strategies per ricevere il Premio Comunicazione e Spettacolo.

Il Premio Comunicazione e Letteratura sarà invece assegnato a Martín Guevara Duarte, il nipote del rivoluzionario più famoso del mondo che ha raccontato gli anni dell’adolescenza a Cuba nel libro “A la sombra de un mito”.

A condurre il Gala sarà un altro uomo dello spettacolo che ben conosce i meccanismi del marketing communication, Piero Chiambretti affiancato da Cristina Chiabotto. Durante la serata saranno premiate le campagne di comunicazione vincitrici di categoria, selezionate da una giuria di professionisti del marketing aziendale tra le quali il pubblico in sala voterà il GrandPrix 2017. Il premio va oltre i confini nazionali con la presenza al fianco dell’International GrandPrix Advertising Strategies anche nel 2017 di partner internazionali tra cui New York Festivals e AdForum.com. Tra gli altri, American Express, Depositphotos, Johannes, Ligatus, Sagam, Cordenons. A chiudere la serata il Cocktail by Campari.

La platea dal teatro si allarga anche ai social: #GrandPrix30, questo l’hashtag con cui sarà possibile avere informazioni e raccontare lo spettacolo sulle piattaforme digitali.

Condividi:

Continue reading