Economy

Il futuro della stampa a Viscom 2018

40

Written by:

Per illustrare tutte le potenzialità delle tecnologie, Ricoh ospiterà i visitatori di Viscom 2018 in uno spazio (Pad 8, stand L18) la cui ambientazione ricrea un cantiere dove si costruisce il futuro della stampa. In particolare, seguendo un percorso suddiviso in differenti aree sarà possibile approfondire trend di mercato e applicazioni innovative. Nell’area dello stand dedicata al large format, Ricoh presenterà in anteprima per il mercato italiano la nuova tecnologia proprietaria latex Ricoh Pro L5160 dedicata al mondo graphic arts. A fianco di questa grande novità sarà disponibile Ricoh Pro T7210, soluzione per la stampa su materiali rigidi ideale per la visual communication e l’industrial decoration. Ricoh completa la gamma grande formato presente a Viscom con la tecnologia GEL-Jet Ricoh MP CW2201SP per applicazioni CAD a colori e in bianco e nero. Questa soluzione è ideale per gli studi di architettura e di ingegneria, come anche la nuova applicazione integrata alle lavagne interattive Ricoh che verrà lanciata in anteprima a Viscom. Parte dell’offerta Communication Services, questa applicazione consente di ottimizzare la creazione e gestione dei file e lo storytelling di progetti, anche grazie alla possibilità di interfacciare la lavagna ad altre tecnologie come ad esempio monitor e videoproiettori. Per quanto riguarda la stampa personalizzata su capi d’abbigliamento (Direct-to-Garment) saranno a disposizione dei visitatori Ricoh Ri 100 e la soluzione high-end Ricoh Ri 6000 che permette di stampare su un’ampia gamma di capi colorati come t-shirts, felpe e borse.Ricoh ha scelto l’importante palcoscenico di Viscom per annunciare al mercato due accordi di distribuzione entrambi relativi alla gamma inkjet. Il primo riguarda la commercializzazione della soluzione Ricoh Ri 100 su tutto il territorio nazionale da parte di Fowa, azienda leader nella distribuzione di prodotti di stampa, fotografia ed elettronica di consumo. Per mostrare le potenzialità dell’accordo, presso lo stand Ricoh verrà installato un kiosk self-service mediante il quale i visitatori potranno stampare t-shirts personalizzate. Questa soluzione completa e integrata è ideale per punti vendita quali negozi di fotografia e di gadget che vogliono offrire ai propri clienti servizi innovativi.

Condividi:

Continue reading

Mps Quocirca, le 7 volte di Ricoh

38

Written by:

L’edizione 2018 del report Managed Print Services (MPS) Landscape di Quocirca conferma la leadership di Ricoh nel settore, riconoscendo l’azienda come leader di questo mercato per il settimo anno consecutivo. Quocirca mette in evidenza nel report: “Ricoh continua a mantenere lil primato negli MPS, essendo riuscita a trasformare la propria offerta per rispondere alle esigenze dei propri clienti anche nell’ambito della trasformazione digitale”. Il report prosegue: “Ricoh ha sviluppato un portfolio di servizi che va oltre i tradizionali MPS e include IT Services, Application Services e Sustainability Management Services, tutti ambiti che le consentono di differenziarsi sul mercato”.Gli MPS di Ricoh fanno parte dei Managed Document Services (MDS). La società lavora insieme ai propri clienti per ottimizzare i processi, riuscendo così a migliorare efficienza e sicurezza e allo stesso tempo a ridurre i costi derivanti da un ambiente di stampa non correttamente gestito. Commenta Louella Fernandes, Research Director di Quocirca: «Ricoh ha un’eccellente reputazione anche nel mercato del Commercial Printing, sia per quanto riguarda l’hardware che il software, rappresentando dunque la scelta ideale per le aziende alla ricerca di un unico fornitore per la stampa office e quella di produzione».Il report pone l’accento anche sull’impegno di Ricoh per le piccole e medie imprese, tanto che   Louella Fernandes prosegue così: «Ricoh propone soluzioni e servizi appositamente pensati per supportare le Pmi nello sviluppo del Digital Workplace, aiutando le aziende a migliorare la flessibilità e l’efficienza dei processi. E’ uno dei pochi fornitori nati nel settore del printing che ora è in grado di offrire soluzioni complete per la trasformazione digitale».  Piega David Mills, CEO di Ricoh Europe: «Siamo orgogliosi di essere stati nominati da Quocirca leader negli MPS per il settimo anno consecutivo. Le soluzioni affidabili, sicure e personalizzabili offerte da Ricoh rappresentano la base per la Digital Transformation. Vogliamo aiutare le aziende a evolvere nell’era digitale per riuscire a cogliere nuove opportunità».

Condividi:

Continue reading

Mitutoyo Italiana sceglie Ricoh

52

Written by:

E’ sicuramente un’azienda orientata all’innovazione IT e attenta alle nuove possibilità che possono migliorare i servizi ai clienti e i processi interni. Mitutoyo Italiana, la filiale del leader mondiale nel settore degli strumenti di misura, è impegnata anche nell’ambito del printing e della gestione documentale, elementi centrali della produttività individuale e aziendale.

Racconta Carlo Maletta, IT Manager di Mitutoyo Italiana: «Innovazione, flessibilità nelle attività di stampa e ottimizzazione dei flussi documentali sono state le principali esigenze che ci hanno portato a rivolgerci a Ricoh». Mitutoyo Italiana ha innovato le tecnologie installando dispositivi multifunzione dotati di Smart Operation Panel, un pannello simile a un tablet che semplifica molto le attività. L’obiettivo della flessibilità è stato invece raggiunto grazie a Ricoh StreamLine NX che dà agli utenti la possibilità di inviare in stampa un documento e ritirarlo da qualunque dispositivo, autenticandosi mediante badge, pin oppure con le proprie credenziali di dominio. Continua Maletta: «La soluzione offre numerosi vantaggi, tra cui maggiore sicurezza dei documenti e flessibilità, dato che è possibile ritirare le stampe dal dispositivo in quel momento più libero oppure, nel caso in cui si debba fascicolare o rilegare un documento, utilizzare un sistema con opzioni di finitura». Sempre grazie a Ricoh StreamLine NX, Mitutoyo Italiana è riuscita a ottimizzare i flussi di lavoro integrando i documenti scansiti all’interno di flussi di lavoro digitali. Ricoh Streamline NX permette di inviare i documenti a cartelle di rete direttamente dal pannello multifunzione sul quale sono installate icone personalizzate con informazioni predefinite relative, ad esempio, al formato o all’archivio a cui inviare i documenti. A Ricoh StreamLine NX è stata affiancata la soluzione Ricoh MyPrint con l’obiettivo di ottimizzare le attività dello showroom nella sede di Lainate (Milano). «Al termine delle demo», aggiunge Maletta, «vi è spesso la necessità di stampare i documenti prodotti per consegnarli ai clienti in tempo reale. Per le esigenze di elevata sicurezza tipiche degli showroom aziendali, i dispositivi di questa area non sono parte integrante della rete. Prima del progetto Ricoh, l’unico modo per stampare era salvare i documenti su una periferica USB con tutti i rischi per la sicurezza che questo comportava. Il problema è stato risolto grazie alla funzionalità Kiosk printing di Ricoh MyPrint attivata sul pc dello showroom».

Con un semplice “drag and drop” l’utente carica i file da stampare e, una volta effettuato il login, i documenti vengono processati e possono essere ritirati, sempre mediante autenticazione, da qualunque dispositivo connesso a MyPrint. In questo modo viene garantita la privacy dei test e la disponibilità immediata del risultato per tutti i visitatori dello showroom.

Mitutoyo-italiana

Mitutoyo-italiana

Condividi:

Continue reading

Un Premio per il franchising

50

Written by:

Parte la prima edizione di “Italian Franchising Award”, premio lanciato da Assofranchising, l’Associazione italiana del Franchising, per incoronare le migliori insegne del settore che operano in Italia. Saranno 10 i premi che una giuria di esperti assegnerà ai migliori franchisor italiani il 26 ottobre a Milano, dopo un’attenta valutazione delle candidature ricevute direttamente dalle aziende che concorreranno per aggiudicarsi il primo posto in una delle seguenti categorie:

SVILUPPO FRANCHISING: i tre finalisti saranno i franchisor che hanno aperto il maggior numero di punti vendita in franchising tra il primo gennaio e il 31 agosto 2018;

START-UP FRANCHISING: dietro una grande azienda c’è sempre una grande idea. Ma quale sarà la più innovativa sviluppata in franchising dalle aziende nate dal 2015 in poi?

RECRUITING FRANCHISEE: scegliere il franchisee giusto non è semplice e trovarlo è spesso altrettanto difficile. La giuria di esperti valuterà le campagne di ricerca dei nuovi franchisee messe in campo nel 2018.

FORMAZIONE E ASSISTENZA AL FRANCHISEE: franchisor e franchisee hanno un obiettivo comune: crescere insieme! La formazione iniziale e l’assistenza continuativa agli affiliati sono must imprescindibili del franchising;

CUSTOMER CARE: non sono sufficienti solo un buon prodotto o servizio per soddisfare il cliente finale. Il consumatore oggi chiede e ha diritto a molte attenzioni e per questo la giuria sceglierà il miglior servizio clienti;

INNOVAZIONE TECNOLOGICA: il negozio del futuro è oggi! Sempre più aziende rinnovano i punti vendita rendendoli più accattivanti grazie alle novità del mondo della tecnologia;

MARKETING E COMUNICAZIONE: quale sarà la migliore campagna del 2018?

BEST IN SHOW: IL PIÙ BELLO DEL SALONE: in occasione del Salone Franchising Milano, di cui Assofranchising è Franchising Association Partner, la giuria valuterà il miglior stand tra gli espositori franchisor;

PREMIO DELLA GIURIA

BEST OF ALL: i presenti alla serata eleggeranno il vincitore assoluto tra tutti i franchisor premiati.

 

L’Italian Franchising Award, ideato e promosso da Assofranchising, rappresenta un concept nuovo ed esclusivo, diverso dagli altri premi di categoria sia per la scelta delle insegne, sia per la partecipazione e la fruibilità gratuita del premio, un ulteriore segnale di autorevolezza e di merito.

Possono concorrere al premio non solo le insegne socie di Assofranchising, ma tutte le insegne franchisor che operano in Italia.

La serata di premiazione si terrà presso Palazzo Giureconsulti in occasione del Salone Franchising Milano.

 

Spiega Italo Bussoli, Presidente di Assofranchising: «Abbiamo voluto essere una voce fuori dal coro creando un Premio diverso, istituzionale e autorevole, riconoscendo anche la dinamicità e la diversità del mondo del franchising, un settore in grado di favorire l’incontro di grandi aziende affermate con giovani imprenditori emergenti. Come Associazione ci occupiamo di tutelare gli interessi di tutte le insegne e degli affiliati che operano nel nostro paese. Per questo motivo al premio potranno partecipare tutte le aziende che fanno franchising e non unicamente i Soci».

 

Il 2017 è stato l’anno da record per il settore. Come emerge dal Rapporto Assofranchising 2018, il giro d’affari in Italia vale 24,545 miliardi di euro con un +2,6% rispetto al 2016. In crescita anche i punti vendita, +1,9% rispetto all’anno precedente, e gli addetti occupati che nel franchising trovano terreno fertile segnando un +2,0%. A livello regionale, la Lombardia si conferma l’area in cui sono presenti più insegne (256), seguita dal Lazio (104) e dalla Campania (89).

Anche il primo semestre 2018 sembra confermare questo trend di crescita. L’Italia rappresenta un paese dal potenziale molto alto essendo, al momento, il franchising in Italia solo il 7% del mercato del commercio al dettaglio. Le prospettive di espansione, dunque, sono davvero interessanti.

Condividi:

Continue reading

Stampa 3D, quali opportunità per le Pmi europee

65

Written by:

Le Pmi (piccole e medie imprese) europee sostengono che l’Additive Manufacturing sia fondamentale per riuscire a ridurre i costi e a migliorare l’agilità. Questo è quanto emerge dalla ricerca RicohThe Future of Print” in cui sono stati coinvolti 2.370 manager di Pmi di tutta Europa. Dallo studio emerge come il 44% delle Pmi abbia già investito in tecnologie per la stampa 3D e un ulteriore 30% lo farà entro i prossimi due anni. Il 70% del campione pensa di utilizzare l’Additive Manufacturing per esplorare nuove possibilità nell’ambito della produzione. Il 56% prevede di riuscire, grazie alla produzione on demand, a ridurre i costi per stoccaggio, spedizione e acquisto di materiali. Con l’obiettivo di stare al passo con l’evoluzione del mercato e rispondere alle esigenze dei clienti, l’80% del campione sta prendendo in considerazione la possibilità di introdurre la stampa 3D anche per migliorare lo sviluppo di nuovi prodotti. «L’innovazione offerta dalla stampa 3D», dice David Mills, CEO di Ricoh Europe, «permette alle Pmi di competere con le aziende di più grandi dimensioni, ad esempio ottimizzando le fasi di sviluppo e produzione e la gestione della supply chain. Questo è fondamentale per le aziende che vogliono crescere e rafforzare la propria presenza sul mercato».I risultati positivi degli investimenti nelle nuove tecnologie per il printing, come ad esempio la stampa 3D, sono già evidenti. Il 69% delle Pmi sostiene che la stampa 3D giochi un ruolo fondamentale consentendo di cogliere opportunità sempre nuove. Inoltre, il 65% afferma che il 3D printing migliori la relazione con clienti e fornitori, mentre il 71% ritiene che le nuove tecnologie aumentino l’efficienza del business. Conclude David Mills: «L’Additive Manufacturing riduce la quantità di risorse necessarie per realizzare un prodotto in quanto gli scarti sono limitati al minimo, un aspetto molto importante per ridurre costi e impatto ambientale. Un numero sempre maggiore di Pmi sta ricorrendo alla stampa 3D per ottenere vantaggio competitivo e le aziende che non seguiranno fin da subito il loro esempio corrono il rischio di rimanere indietro».

Condividi:

Continue reading

Climate Week a New York City

70

Written by:

Tra il 24 e il 30 settembre 2018 la città di New York ospiterà la Climate Week, uno dei principali summit internazionali dedicati ai cambiamenti climatici. Jake Yamashita, Presidente e ceo di Ricoh Company, darà il proprio contributo all’incontro con un keynote speech. Insieme ai business leader di altre aziende, tra cui Bloomberg, Microsoft e ZipCar, Yamashita illustrerà in che modo Ricoh stia operando per contrastare i cambiamenti climatici, soffermandosi sui risultati concreti fino a ora ottenuti. Giunta alla decima edizione consecutiva, la Climate Week NYC è organizzata da The Climate Group, associazione no-profit internazionale che riunisce aziende ed enti governativi che collaborano per riuscire a mantenere il riscaldamento globale sotto i 2°C. Racconta Yamashita: «Ricoh punta a raggiungere l’eccellenza, a migliorare la qualità della vita delle persone e a promuovere la sostenibilità. Questo impegno non è per noi nuovo e, infatti, era già parte integrante della visione globale del nostro fondatore, Kiyoshi Ichimura. Guardiamo al futuro concentrandoci sempre più sulla responsabilità verso l’ambiente, come anche sulla volontà di aiutare le aziende a lavorare in modo più smart. Sono orgoglioso di condividere a New York la nostra lunga eredità sostenibile e di ascoltare le esperienze di altre organizzazioni!.  Ricoh supporta le aziende di tutto il mondo nel raggiungere importanti obiettivi di sostenibilità. Inoltre, per contribuire agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, Ricoh sta sviluppando piani ed azioni in relazione ad otto di questi obiettivi per quanto riguarda ad esempio energia pulita, produzione responsabile e prevenzione dei cambiamenti climatici. Secondo le Nazioni Unite, entro il 2050 la popolazione globale raggiungerà i 9 miliardi di persone. La Climate Week sarà per Jake Yamashita un’importante occasione per condividere le azioni concrete intraprese da Ricoh non solo in Giappone, ma in tutto il mondo con l’obiettivo di raggiungere traguardi rilevanti nell’ambito della sostenibilità.

Condividi:

Continue reading

Printed memories, cartoline contro l’Alzheimer

130

Written by:

Ricoh ha sviluppato un portale  grazie al quale è possibile inviare cartoline personalizzate che possono aiutare i malati di Alzheimer a ricordare persone, eventi e luoghi della loro vita. È dimostrato che questa forma di terapia della reminiscenza può stimolare l’attività cerebrale, permettendo ai malati di interagire meglio con amici e parenti.Il portale, basato sulle tecnologie e le competenze di Ricoh nell’ambito dei workflow produttivi, fa parte del programma Printed Memories sviluppato in partnership con Alzheimer’s Research, la più importante associazione mondiale per la ricerca di un trattamento per la demenza.L’Alzheimer porta i malati ad isolarsi dal contesto sociale e a perdere il contatto con la realtà, per cui per amici e familiari è sempre più difficile relazionarsi ed interagire con loro. Fotografie e immagini possono ridurre il senso di isolamento. Il portale Printed Memories aiuta quindi a mantenere le relazioni grazie all’invio di cartoline personalizzate. Lo strumento è semplice da utilizzare: è sufficiente caricare una foto, inserire un messaggio e l’indirizzo del destinatario, in qualunque Paese europeo egli risieda. Ovviamente il tool può essere utilizzato da chiunque voglia inviare cartoline personalizzate a parenti e amici, sostenendo così la ricerca su questa malattia. Per ogni invio, infatti, è richiesto un contributo di una sterlina che viene interamente devoluto ad Alzheimer’s Research. Attualmente il portale è disponibile in italiano, inglese, spagnolo e polacco, ma durante l’anno verrà tradotto anche in altre lingue. Il processo di back end è stato pensato per garantire la massima efficienza e agevolare la user experience. I dati vengono processati presso una struttura Ricoh situata a Telford, in UK. La produzione delle cartoline è completamente automatizzata (dalla ricezione dell’ordine alla stampa, all’invio cartaceo) e non richiede alcun intervento manuale. Questo garantisce un servizio efficiente, per cui l’utente non deve fare altro che creare la cartolina personalizzata. «Sono molto orgoglioso del portale Printed Memories e, più in generale, del programma sviluppato con Alzheimer’s Research», conviene Javier Diez-Aguirre, Vice President, Corporate Marketing, CSR & Environment di Ricoh Europe, «Grazie alle nostre tecnologie e al contributo delle nostre persone, aiutiamo le famiglie a restare in contatto con i propri cari supportando allo stesso tempo la ricerca. La demenza, di cui l’Alzheimer è una delle cause principali, rappresenta una delle più grandi sfide mediche e credo che le aziende come Ricoh giochino un ruolo importante nella sensibilizzazione e nella ricerca”. «La generosità, il supporto e le competenze tecnologiche di Ricoh sono fondamentali per aiutare i malati affetti da Alzheimer a relazionarsi con le proprie famiglie», commente Timothy Parry, Director of Communications and Partnerships di Alzheimer’s Research, che conclude: «Il portale Printed Memories dimostra la forza di questa partnership nella lotta contro l’Alzheimer. Ricoh può essere orgogliosa di supportarci in quello che è il nostro obiettivo: trovare, entro il 2025, il primo trattamento per la demenza in grado di migliorare la qualità della vita».

Il portale è disponibile in lingua italiana all’indirizzo www.printed-memories.com/it/

Condividi:

Continue reading

Il futuro dell’istruzione passa da digital fabrication e stampa 3D

113

Written by:

E’ risaputo: i cambiamenti demografici e le nuove tecnologie stanno trasformando il volto del Settore dell’Istruzione. In particolare, secondo la ricerca Ricoh “The Future of Print”, l’88% dei dirigenti delle università (campione: 787 strutture) è convinto che digital fabrication e stampa 3D possano dare un contributo molto positivo alla formazione degli studenti preparandoli meglio al mondo del lavoro. «In molti corsi universitari», dice David Mills, CEO di Ricoh Europe, «digital fabrication e stampa 3D possono aiutare a concretizzare concetti complessi. Il modo in cui le persone e le macchine interagiscono tra loro continua ad evolvere. Integrare aspetti tecnici nel programma dei corsi aiuta gli studenti a sviluppare oggi competenze che saranno imprescindibili negli ambienti di lavoro di domani».Queste competenze sono importanti ad esempio nell’ambito della prototipazione e progettazione di parti finite nel settore medicale, automobilistico, ingegneristico e tessile. Il 65% sostiene che la stampa 3D sia un aspetto sempre più importante nel programma STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics). L’84% delle università coinvolte ha già investito, o prevede di farlo nei prossimi due anni, in tecnologie di stampa che permettono agli studenti di produrre e personalizzare oggetti per mettere in pratica quanto appreso. Il 66% delle università sostiene che investire nelle nuove tecnologie di stampa sia il giusto modo per essere più attrattive verso i potenziali studenti e per coinvolgere maggiormente coloro che già lo sono grazie a corsi personalizzati. Sempre in quest’ottica, molte università cercano di semplificare il più possibile l’accesso a risorse e informazioni, fornendo agli studenti contenuti personalizzati (48% del campione) e offrendo loro flessibilità nel printing grazie alla possibilità di inviare in stampa i propri lavori ovunque si trovino (43%). «L’aumento delle tasse universitarie in gran parte d’Europa», chiosa Mills, «cambia il ruolo degli istituti. Incoraggiati ad agire sempre più come “fornitori di servizi”, gli istituti superiori e le università devono riuscire ad alzare l’asticella per quanto riguarda la soddisfazione e il coinvolgimento degli studenti. Diventa dunque prioritario utilizzare le nuove tecnologie di stampa per offrire corsi diversificati e programmi di studio sempre più personalizzati».

Condividi:

Continue reading

Soluzione inkjet a modulo continuo

108

Written by:

La soluzione Ricoh Pro™ VC70000 entra a far parte del portfolio inkjet di Ricoh al fianco di Pro™ VC60000, Pro™ VC40000, Ricoh Pro™ V20000 e InfoPrint 5000.La principale innovazione introdotta riguarda i nuovi inchiostri sviluppati da Ricoh che consentono di ottenere performance elevate soprattutto su supporti patinati per offset e carte non trattate. I nuovi inchiostri di cui è dotata Ricoh Pro™ VC70000 sono in grado di competere con gli output della stampa offset grazie alla loro versatilità su supporti patinati. Gli inchiostri sono stati sviluppati per rendere l’intero sistema di produzione più flessibile ed economico, oltre che per ampliare la gamma cromatica. Racconta Giorgio Bavuso, direttore della divisione Commercial and Industrial Printing di Ricoh Italia: «La soluzione presentata ci consente di rispondere ai requisiti richiesti dal mercato. Siamo certi che la nuova piattaforma e i nuovi inchiostri siano esattamente ciò che il settore stava aspettando. Aiuteremo i fornitori di servizi di stampa nel passaggio al digitale».

Oltre ad offrire maggiore qualità grazie ai nuovi inchiostri, Ricoh Pro™ VC70000 è stata ottimizzata nei moduli di input e output ed è dunque più compatta. La velocità raggiunge i 150 metri al minuto, producendo quasi 130.000 A4 all’ora grazie alle teste di stampa proprietarie drop-on-demand, con risoluzione fino a 1200×1200 dpi su carta non patinata, patinata per offset, trattata per inkjet o patinata per inkjet.

La soluzione sarà disponibile in Europa a partire dall’inverno 2018.

Condividi:

Continue reading

Torna il “Ricoh Global Eco Action Month”

163

Written by:

Le chiamano “le 3 P”. Sono le iniziali di People, Profit e Planet. Sintetizzano l’approccio delle aziende più attente all’innovazione, che affiancano al proprio business il benessere delle persone, l’impegno verso la società e il rispetto dell’ambiente.Queste “tre P” sono il fulcro della filosofia d’impresa del Gruppo Ricoh. Per quanto riguarda l’ambiente, nel 2006 il Gruppo ha istituito il “Ricoh Global Eco Action Month” (GEAM). Da allora il mese di giugno è dedicato alla sostenibilità ambientale, con l’obiettivo di diffondere il più possibile l’attenzione nei confronti di questa tematica mediante attività “green” che coinvolgono i dipendenti Ricoh di tutto il mondo. Particolari iniziative sono previste per il 5 giugno, il “World Environment Day” delle Nazioni Unite. Durante il “Common Action Day”, Ricoh tiene spente le insegne con il logo di tutte le filiali del Gruppo e i dipendenti sono invitati a indossare abiti di colore verde per promuovere la sostenibilità in ufficio.   Nel settembre 2015, le Nazioni Unite hanno annunciato i Sustainable Development Goals (SDG) che includono 17 obiettivi da raggiungere entro il 2030 nel rispetto del principio fondamentale “no one is left behind”. Gli obiettivi ecosostenibili di Ricoh sono in linea con quanto definito dalle Nazioni Unite in relazione ai cambiamenti climatici e rappresentano un fattore chiave nelle strategie a lungo termine dell’azienda. Oltre a riaffermare il proprio impegno verso l’ecosostenibilità nel Piano di Medio Termine iniziato nel 2017, Ricoh è stata la prima azienda giapponese ad entrare a far parte del programma RE100 che incoraggia ad utilizzare esclusivamente energia rinnovabile. Aderendo al programma, Ricoh si impegna a soddisfare il 100% del proprio fabbisogno energetico attraverso fonti di energia rinnovabile entro il 2050.  Il GEAM rafforza l’impegno di Ricoh verso l’ambiente coinvolgendo gli oltre 100 mila dipendenti di tutto il mondo e invitandoli a rendere partecipi anche famiglie, amici, fornitori e clienti. Tra le iniziative europee volte alla riduzione delle emissioni di CO2 vi è la “Step it up Challenge”, una sfida a cui possono partecipare i dipendenti di tutta Europa: l’obiettivo è compiere il maggior numero di passi nel corso del mese di giugno. Ad ogni partecipante è richiesta una piccola quota di iscrizione e l’intero importo raccolto verrà donato ad Alzheimer’s Research, l’organizzazione che Ricoh sta supportando per la ricerca sull’Alzheimer. Oltre a coinvolgere i propri dipendenti nella “Step it up Challenge” e a spegnere l’insegna della sede di Vimodrone (Milano) come le altre filiali del Gruppo, Ricoh Italia ha organizzato per il 21 giugno una giornata a ‘km 0’ in collaborazione con la società di ristorazione della mensa aziendale per cui, ad esempio, verranno acquistati prodotti da aziende agricole del circondario e verranno privilegiati i prodotti di stagione. Come i dipendenti di tutto il mondo, anche quelli di Ricoh Italia sono invitati ad indossare il 5 giugno capi di colore verde e a condividere i propri comportamenti ecosostenibili mediante il database “Eco-pledge” creato da Ricoh Tokyo diventando così promotori del vivere green.

Condividi:

Continue reading