H.E.G. Author

I Business Process Services di Ricoh all'esame dei clienti

402

Written by:

La ricerca ha coinvolto 275 clienti Ricoh di Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Olanda, Spagna e Regno Unito. Gli intervistati sono stati chiamati a esprimere il proprio punto di vista su differenti aspetti dei Business Process Services.Sono stati messi in evidenza: la probabilità con la quale consiglierebbero Ricoh (l’88% del campione lo farebbe), la possibilità di rivolgersi nuovamente all’azienda (81%); il grado di soddisfazione su erogazione del servizio (86%), gestione dei costi (84%) e del change management (82%) Gaspare Arimondi, Purchasing & General Services, SIAD Macchine Impianti, ha commentato in relazione ai servizi scelti: «Ricoh gestisce i processi di produzione dei documenti necessari alla spedizione. Tali documenti vengono stampati on demand, per cui si eliminano gli sprechi ed è possibile apportare modifiche anche all’ultimo secondo».  Karen Adlard, Senior Contracts Manager di Telent – un altro cliente Ricoh – afferma: «Ricoh è un fornitore molto proattivo che cerca di migliorare costantemente i servizi offerti. Il supporto dei professionisti Ricoh nel nostro centro stampa è di elevato valore e per noi è un vantaggio avere a disposizione qualcuno in grado di comprendere davvero le nostre esigenze di business!. Conclude Edward Gower-Isaac, Vice President, Business Process Services di Ricoh Europe. «Potendo contare sulle nostre competenze, le aziende hanno la possibilità di concentrarsi sul core business. Lavoriamo con le aziende per aumentarne l’efficienza, migliorare i loro risultati di business e ridurre i costi. Mettendo i clienti al centro di tutto ciò che facciamo – dallo sviluppo dei prodotti all’evoluzione dei nostri servizi – consentiamo loro di gestire i processi e le informazioni nel modo più efficace possibile».

Continue reading

Un partnership per PostaPronta™

489

Written by:

Siglato un importante accordo tra Ricoh Italia, azienda che si posiziona come leader nel mercato del printing, e PRTGROUP, azienda leader del settore dell’output management. L’obiettivo è quello di aiutare le piccole e medie imprese a gestire in maniera più rapida l’invio di piccoli lotti di posta, come ad esempio lettere e raccomandate, direttamente dal proprio pc.

Con il servizio di posta on demand PostaPronta™ l’utente, mediante un’applicazione scaricabile gratuitamente, invia i file digitali a PRTGROUP che si occupa di stampare e imbustare la corrispondenza e di consegnarla all’operatore postale scelto dal cliente.

L’accordo con Ricoh è volto a migliorare la gestione dei documenti che devono essere scansiti per essere inviati al servizio PostaPronta™. I dispositivi multifunzione Ricoh di ultima generazione possono essere interfacciati con l’applicazione PostaPronta™ installata sul pc dell’utente, in modo che i documenti digitalizzati vengano indirizzati in maniera veloce e sicura e siano già pronti per l’invio. I nuovi sistemi di stampa Ricoh sono dotati dello Smart Operation Panel, un pannello touchscreen da 10,1 pollici simile a quello di un tablet. Il pannello può essere personalizzato con applicazioni che indirizzano in maniera automatica i flussi di lavoro, per cui quando l’utente esegue la scansione dei documenti da inviare via posta non deve fare altro che premere l’icona PostaPronta™ e i file sono immediatamente indirizzati sul pc dell’utente.

 

«Ricoh», commenta Lorenzo Clerici, Direttore Vendite Dirette di Ricoh Italia, «vuole aiutare le aziende a trasformare gli ambienti di lavoro con soluzioni e servizi che aumentano la produttività e permettono agli utenti di lavorare meglio. L’accordo relativo al servizio PostaPronta™ va in questa direzione semplificando la gestione dei flussi di lavoro e garantendo risparmio di tempo”.

 

Aggiunge Dario D’Urso, Direttore Marketing di PRTGROUP: «Grazie a questo accordo daremo la possibilità a migliaia di aziende di inviare lettere e raccomandate in modo semplice, sicuro e veloce. L’integrazione con i sistemi di stampa di ultima generazione di Ricoh permetterà di accedere ai servizi di invio di PostaPronta™ con un click sul pannello del multifunzione. Il nostro obiettivo è rendere i servizi di corrispondenza business accessibili a tutti, anche a chi deve inviare una sola busta, garantendo efficienza e un risparmio sul costo di recapito fino al 40%».

Continue reading

Collezioni private, parte bene l’asta di Charitystars

1138

Written by:

Si chiama “Collezioni private”, è una nuova asta di arte moderna e contemporanea, lanciata da www.charitystars.com piattaforma specializzata nell’organizzare aste benefiche per associazioni non profit, con l’aiuto di vip di vari settori. L’auction, partita a fine novembre, si è conclusa appena prima di Natale, registrando un notevole successo. Il risultato migliore è stato ottenuto dal leader dell’azionismo viennese, Hermann Nitsch. Il suo “Schuttbild”, olio su tela del 2007, di cm. 100X80, è stato aggiudicato a quasi 18mila euro (diritti compresi). Al secondo posto, il type visual “M”, di Lorenzo Marini, una delle opere più contese che, dopo un appassionante batti e ribatti di offerte è stato venduto a poco meno di 6mila euro. Hanno ricevuto offerte anche altre opere presentate, come due tele anni Settanta di Tano Festa, una natura morta di Giovanfrancesco Gonzaga, un nudo di Guido Pajetta, un’installazione luminosa di Marco Lodola e un “Alfabeto” di Dadamaino.

L’asta presentava anche alcuni notevoli esempi di arte moltiplicata. Tra questi hanno trovato forte riscontro la scultura “moraviana” in legno “Lui” di Mario Ceroli e “America”, una rara grafica di Mimmo Rotella.

Charitystars.com ha deciso che Collezioni private diventi un appuntamento fisso. La prossima asta è prevista per il prossimo febbraio. Un vantaggio per i collezionisti: a differenza delle aste tradizionali, che impongono all’acquirente un costo aggiuntivo a quello di battuta (la cosiddetta buyer commission) che si aggira sul 30%, la commissione di “Collezioni private” di Charitystars è pari soltanto al 15% (più Iva).

 

Condividi:

Continue reading

Quei multifunzione a colori pensati per le Pmi

494

Written by:

Si rivolgono soprattutto alle medie e piccole imprese. I dispositivi multifunzione A4 a colori Ricoh MP C307SP, MP C307SPF ed MP C407SPF sono pensati per mettere a disposizione delle aziende soluzioni compatte, ma in grado di offrire semplificazione dei workflow ed elevata produttività, anche grazie all’alimentatore fronte-retro in singola passata (Spdf) che permette di acquisire fino a 80 immagini al minuto. Tutti i modelli sono dotati di un controller con processore Intel™ da 1,6 GHz che velocizza i tempi di elaborazione dei file e delle immagini. La semplicità di utilizzo è garantita dallo Smart Operation Panel di Ricoh, un pannello touchscreen da 10,1 pollici simile a quello di un tablet che permette di gestire rapidamente tutte le funzionalità. Dotato di un menu intuitivo, il pannello è personalizzabile in modo che ogni utente, autenticandosi, possa facilmente accedere alle funzioni che utilizza maggiormente. Inoltre, dall’Application Site di Ricoh possono essere scaricate, direttamente sul pannello, numerose app che velocizzano le attività di stampa, copia e scansione. Tra le altre caratteristiche della gamma: velocità di copia e stampa: 30/30 oppure 40/35 pagine al minuto (rispettivamente monocromatico e a colori); connettività completa: interfaccia di rete 1 Gbit e seconda interfaccia di rete opzionale, Wi-Fi Direct, QR Code, NFC e Bluetooth; consumi energetici ridotti e più bassi della categoria (i modelli sono certificati Energystar 3.0, Blue Angel, EPEAT) I nuovi modelli Ricoh MP C307SP, MP C307SPF ed MP C407SPF si inseriscono nel framework Workstyle Innovation Technology sviluppato da Ricoh. Si tratta di un insieme di servizi e dispositivi “intelligenti” che migliorano la gestione delle informazioni e abilitano la digital transformation. Obiettivo è portare nelle aziende tecnologie, basate su cloud e mobility, in grado di aumentare la produttività, introdurre innovazione di business e soprattutto aiutare le persone a lavorare meglio.

Continue reading

Pmi, alla ricerca del business perduto

461

Written by:

Cosa si potrebbe fare con 433 miliardi di euro? Si potrebbero realizzare i 77.000 km della rete autostradale americana oppure sovvenzionare oltre un centinaio di missioni su Marte. Di fatto, l’intera economia della Polonia genera all’incirca quella cifra. Da una recente ricerca commissionata da Ricoh a Coleman Parkes è emerso che le 75.000 aziende di medie dimensioni presenti in Europa perdono potenzialmente 433 miliardi di euro di fatturato ogni anno.  Partiamo dal fatto che, come messo in evidenza dalla ricerca Ricoh, le medie imprese soffrono della “sindrome del figlio di mezzo” se paragonate alle start-up e alle grandi aziende a cui è infatti principalmente rivolto il supporto da parte dei Governi e dei legislatori. Si tratta di una grande occasione perduta, dal momento che le medie imprese rappresentano il motore dell’economia europea. Il 93% di queste aziende mette in evidenza l’esistenza di freni che impediscono loro di raggiungere il pieno potenziale. Tra i principali ostacoli: requisiti normativi complessi e che richiedono ingenti investimenti; difficoltà nell’attirare nuovi talenti; difficoltà nell’ottenere finanziamenti per nuove tecnologie a supporto della crescita. Le medie aziende non dovrebbero stare ad aspettare che cadano i vincoli burocratici, ma rimboccarsi le maniche ed agire per recuperare fatturato. Su quali aspetti concentrarsi?

1.     Il futuro è interconnesso. Per avere successo nell’attuale mercato competitivo, le aziende devono riuscire ad essere il più agili possibili sia all’interno –ad esempio nell’ambito della Ricerca e Sviluppo o nella condivisione delle informazion – sia all’esterno per rispondere rapidamente alle richieste dei clienti. La buona notizia sta nel fatto che le tecnologie per la digitalizzazione sono ormai alla portata di tutte le aziende che vogliono introdurre modalità di lavoro più flessibili e smart. Eppure la ricerca Ricoh ha messo in evidenza come il 30% del campione delle medie aziende deve ancora implementare tecnologie per la digitalizzazione. Per le realtà che invece lo hanno già fatto i benefici sono chiari: il 65% delle aziende che ha implementato tecnologie digitali sostiene che questa innovazione abbia consentito loro di superare i competitor.

2.     Ridurre i costi con la digital transformation. Oltre ad aumentare la flessibilità, la digital transformation porta a una significativa riduzione dei costi operativi. Ad esempio, digitalizzando i processi di fatturazione e di gestione del cash flow non è più necessario tracciare i flussi documentali cartacei e le aziende possono utilizzare la risorsa più preziosa –il tempo– per gestire attività strategiche per il business. Questo migliora la produttività, velocizza i cicli di pagamento ed elimina i costi per la produzione, distribuzione e gestione delle fatture.

3.     Normative: prevenire è meglio che curare. Come detto, la complessità normativa è citata nelle ricerca Ricoh tra i principali ostacoli alla crescita. Una possibile strada è quella di lavorare con partner in grado di gestire tale complessità, scegliendo soluzioni certificate o pacchetti di servizi per stare al passo con i cambiamenti normativi. Ad esempio, come conseguenza della maggiore diffusione dello smart working, i dispositivi aziendali e i dati in essi contenuti devono essere sempre più protetti. A breve un nuovo regolamento europeo introdurrà pesanti sanzioni in relazione alla data breach, sanzioni che metteranno in difficoltà anche le grandi aziende. Quelle di medie dimensioni devono quindi riuscire a gestire fin da subito gli accessi ai dati, trovando soluzioni che abilitino lo smart working senza compromettere la sicurezza delle informazioni.  Non c’è dubbio che le medie aziende abbiano ambiziosi obiettivi di crescita: il 38% delle medie aziende europee sta pianificando di quotarsi in borsa, mentre il 21% intende attuare operazioni di merger and acquisition. Anche se attualmente sembra che manchi l’adeguato supporto, non è detto che il potenziale resti irrealizzato. Puntare sulle tecnologie potrebbe essere un buon punto di partenza per aiutare le medie imprese a recuperare la loro parte dei 433 miliardi di euro potenzialmente disponibili.

A cura di David Mills, CEO di Ricoh Europe

Continue reading

Medie imprese: 4 buoni motivi per automatizzare i processi

494

Written by:

A cura di David Mills, CEO di Ricoh Europe  

Le medie imprese di tutta Europa hanno grandi ambizioni, ma solo in poche riescono a diventare aziende di dimensioni più rilevanti. Il 93% delle medie imprese coinvolte nella ricerca Ricoh “Medie imprese: sindrome del figlio di mezzo?” afferma di incontrare barriere che ostacolano lo sviluppo. Queste aziende sono consapevoli del fatto che la velocità sia importante per raggiungere il successo e che quanto più si riesce ad automatizzare processi ed attività, tanto più si è agili. Molte imprese di medie dimensioni puntano a rapidità ed agilità, ma non riescono ad affrontare questa sfida in modo corretto. La digital transformation consentirebbe a questa fetta di mercato di migliorare l’automazione e di beneficiare di processi più fluidi, affidabili e allineati con la velocità del mondo digitale.  Ma perché l’automazione dei processi è così importante?  1.     Il business è più veloceGrazie all’automazione dei processi è possibile risparmiare tempo eliminando procedure ripetitive e “time-consuming”. Questo non solo mette le medie imprese nella condizione di essere agili, ma permette loro di utilizzare la risorsa più preziosa – il tempo – per gestire attività strategiche per il business. Inoltre, si accelerano i processi decisionali, dal momento che la condivisione delle informazioni è più rapida. 2.     Risparmi significativi grazie alla digitalizzazione Non sapete da dove partire con l’automazione? Concentratevi sul reparto amministrativo automatizzando la gestione del cash flow e introducendo la fatturazione elettronica. In questo modo si velocizza la ricezione dei pagamenti, senza dover effettuare eccessivi investimenti. Da una ricerca Ricoh è emerso che potenzialmente il passaggio dalla fatturazione cartacea a quella digitale farebbe risparmiare al settore pubblico europeo 40 miliardi di euro all’anno. Se estendiamo la riduzione dei costi a tutti i mercati l’enorme potenziale della fatturazione elettronica risulta chiaro. 3.     Informazioni più integrate e riduzione degli sprechi Complice l’aumento dei dati da gestire, negli uffici i workflow documentali diventano sempre più complessi. Allo stesso tempo per le aziende è fondamentale che i processi di scansione, copia e stampa integrino le informazioni di back-office e front-office. In questo modo l’automazione, oltre a semplificare i processi, ridurrebbe costi e sprechi derivanti dalla duplicazione delle attività.4.     Migliore accesso ai dati I dipendenti devono poter accedere velocemente a informazioni corrette e aggiornate, dentro e fuori i confini dell’azienda. La digitalizzazione delle informazioni, insieme all’automazione dei processi di scansione e archiviazione, agevola lo smart working e la flessibilità, riducendo allo stesso tempo i costi per la creazione e il mantenimento degli archivi aziendali. Con la digitalizzazione anche la gestione dei documenti risulta semplificata, poiché ad esempio si accelerano i processi di approvazione e autorizzazione mediante l’automazione dei flussi di lavoro.  Dalla ricerca Ricoh è emerso come le medie imprese di tutta Europa stiano perdendo complessivamente 433 miliardi di euro all’anno come conseguenza di una serie di barriere che ne ostacolano lo sviluppo. Questa cifra non può essere ignorata. Le medie aziende che vogliono puntare alla crescita dovrebbero concentrarsi sulle tecnologie per la digitalizzazione implementando ad esempio fatturazione elettronica e flussi di lavoro automatizzati. Per queste aziende è arrivato il momento di dare priorità all’innovazione per affrontare le sfide poste dal mercato.

Continue reading

Teatro comunale di Vicenza, riflettori sull’innovazione

434

Written by:

Il mondo del teatro sta attraversando un momento di evoluzione in cui si aprono frontiere fatte di integrazione, multimedialità e interattività. Tutto è più coinvolgente: palco e platea diventano un unicum grazie a schermi luminosi, luci e potenti proiettori che immergono totalmente il pubblico nello spettacolo.A Vicenza se ne può ammirare un esempio nella moderna struttura progettata da Gino Valle che ospita stagioni artistiche di prosa, lirica, musica e balletto. Un’importante innovazione del Teatro Comunale di Vicenza è stata introdotta da Ricoh PJ KU 12000, proiettore di fascia alta per ambienti di proiezione medio-grandi. Commenta Ezio Zonta, Responsabile Tecnico e Sicurezza del Teatro; «Ricoh PJ KU12000 viene, ad esempio, utilizzato per mostrare filmati durante gli spettacoli, per proiettare in dettaglio le mani del pianista che sta suonando sul palco o ancora per far scorrere i tweet dei partecipanti agli eventi organizzati negli spazi del teatro. Ormai non possiamo più fare a meno di questo strumento che ci consente di innovare il modo di fare teatro». Ideale per le due sale del Teatro (la Sala Maggiore con 910 posti a sedere e la Sala del Ridotto con 380 posti), la soluzione Ricoh viene utilizzata anche in altri importanti edifici vicentini, come la prestigiosa Basilica Palladiana. Tra le principali caratteristiche di Ricoh PJ KU12000: risoluzione WUXGA (1.920 × 1.200 pixel); doppia lampada per una elevata luminosità di 12.000 lumen; tecnologia DLP; connessione HDBaseT con un solo cavo (fino a 100 metri di lunghezza) per alimentazione, video, audio e funzioni di controllo; proiezione a 360°.

Continue reading

Il Giardino Incantato della biodiversità

818

Written by:

Per aumentare la consapevolezza delle nuove generazioni sulla biodiversità, Ricoh Italia ha inaugurato nel 2012 un giardino naturalistico presso la scuola dell’infanzia e primaria di via Fiume nel Comune di Vimodrone (MI). In questo angolo di verde, realizzato in collaborazione con gli esperti in biodiversità di Ecos Studio Associato, sono state piantumate essenze vegetali tipiche della nostra zona. Inoltre, sono state installate cassette nido e mangiatoie. In questi anni i bambini della scuola d’infanzia sono stati coinvolti in attività interattive che li hanno portati a entrare in contatto con le piante e gli animali del nostro territorio.

Quest’anno (per il secondo anno consecutivo) i bimbi sono stati coinvolti nel progetto “E da grande cosa sarò?” che ha previsto l’allevamento di bruchi e l’osservazione del ciclo vitale di una farfalla.

Tra le attività svolte: lezione interattiva e fiaba (per la scuola d’infanzia); osservazione diretta dei bruchi; gioco finale per trasmettere in modo ludico conoscenze sull’ambiente.

Con l’obiettivo di sviluppare nei bambini il senso di responsabilità verso l’ecosistema che ci circonda, il progetto ha stimolato in loro l’osservazione costante della natura e degli habitat naturali. Per i bambini prendersi cura dei bruchi significa imparare a considerare le esigenze di un altro essere vivente, rispettare pazientemente i suoi ritmi di crescita ed eventualmente affrontare e superare la frustrazione di un insuccesso.

Racconta Andrea Gombac, Director Customer Service & Corporate Social Responsibility di Ricoh Italia «Vogliamo dare un contributo positivo per prevenire l’impoverimento ambientale derivante dalla distruzione degli ecosistemi. Il Giardino Incantato coniuga un’azione diretta sul territorio e sulle risorse locali a una componente di sensibilizzazione e di formazione che è indispensabile per ottenere risultati duraturi nel tempo. Dare ai bambini la possibilità di entrare in contatto con le piante e gli animali del nostro territorio significa far nascere il rispetto verso l’ambiente che ci circonda, a beneficio di tutta la comunità».

Condividi:

Continue reading

Sistemi inkjet per la stampa di produzione: Ricoh leader globale nell’Idc MarketScape

446

Written by:

Il reportIDC MarketScape: Worldwide High-Speed Inkjet Press 2016 Vendor Assessment” (settembre 2016) mette in evidenza i punti di forza che hanno assicurato a Ricoh il successo nel settore dei sistemi di stampa inkjet a modulo continuo. Tra le caratteristiche emerse, vi sono l’ampiezza del portfolio prodotti e il supporto garantito per soluzioni e applicazioni.

L’approccio di Ricoh orientato ai servizi si basa su competenze e know-how sviluppati nel tempo e su formazione continua. IDC attribuisce a Ricoh una posizione di leadership per il suo impegno verso l’innovazione che è confermato da 200 brevetti a livello mondiale in ambito inkjet.

Racconta Benoit Chatelard, Vice President, Production Printing, Ricoh Europe: «Supportiamo i nostri clienti nella trasformazione del business. Il nostro successo si basa sulla comprensione delle loro effettive esigenze e sulla capacità di offrire non solo prodotti ma anche supporto, Siamo consapevoli del fatto che per ottenere ottimi risultati sia fondamentale poter fare affidamento sulle persone, sui processi e sulle tecnologie migliori. Il riconoscimento da parte dell’IDC MarketScape è la conferma del fatto che stiamo andando nella giusta direzione».

Continue reading

Digital Transformation, il caso Cassa di Risparmio di Volterra

541

Written by:

Prive dell’appeal delle start-up e costrette a competere con i colossi, le medie imprese europee soffrono della “sindrome del figlio di mezzo”. Lo conferma una ricerca commissionata da Ricoh a Coleman Parkes Research, di cui Meg Portrait Revue si è già occupata. Per le medie imprese europee è difficile investire in nuove tecnologie a supporto della crescita, spesso a causa delle difficoltà che incontrano per chiedere finanziamenti. Il 30% del campione deve ancora implementare tecnologie per la digitalizzazione con l’obiettivo specifico di crescere e diventare imprese di grandi dimensioni.

Le imprese di medie dimensioni sono però consapevoli della necessità di sviluppare strategie di business digitali e chi lo ha fatto sta già ottenendo risultati confortanti.

In particolare, le aziende italiane che hanno già adottato tecnologie per la digitalizzazione hanno indicato come principali vantaggi:

  • Miglioramento del servizio ai clienti (segnalato dal 38% del campione);
  • Riduzione dei costi (38%)
  • Ottimizzazione delle comunicazioni con i clienti (37%)

 

Sfide e nuove opportunità per comunicare meglio con i clienti

Molte grandi aziende sono nate da acquisizioni oppure dalla fusione di due aziende di medie dimensioni. Infatti, il 27% del campione intende attuare operazioni di merger and acquisition entro i prossimi due anni. Questo processo richiede sforzi specifici per quanto riguarda l’integrazione dei sistemi informativi delle aziende coinvolte. È importante che i clienti non vengano trascurati in questa fase di transizione. Anzi si presenta l’occasione per migliorare la gestione delle informazioni relative ai clienti con l’obiettivo di conoscerli meglio e sviluppare comunicazioni personalizzate. Il 70% delle aziende del campione vorrebbe espandersi in nuovi mercati entro i prossimi due anni e mantenere elevati gli standard di servizio ai clienti è fondamentale.

 

La digitalizzazione attira i talenti

Dallo studio è emerso che le medie aziende incontrano difficoltà nell’attirare nuovi talenti. Il 65% del campione afferma infatti che i candidati preferirebbero lavorare in aziende di grandi dimensioni e questo, secondo il 58%, dipende dalla maggiore disponibilità di strumenti digitali. Le medie aziende devono quindi mettere a disposizione soluzioni tecnologiche all’avanguardia che favoriscano la produttività. Inoltre, la sempre maggiore richiesta di lavoro flessibile da parte delle nuove generazioni implica lo sviluppo di processi digitali. La Digital Transformation è quindi necessaria per competere e le Pmi hanno idee molto chiare in merito: il 76% del campione afferma di avere bisogno di “una visione definita e a lungo termine” per la digitalizzazione e il 77% di un “piano strutturato”.

 

Case history: Cassa di Risparmio di Volterra, un nuovo modo di gestire il servizio clienti. La banca Cassa di Risparmio di Volterra si trovava ad affrontare le problematiche tipiche di una azienda di medie dimensioni. Prima di lavorare con i professionisti di Ricoh nell’ambito dei Communication Services, l’azienda doveva sostenere un costo elevato per mantenere alta la qualità del servizio nella rete di filiali in costante espansione e questo impediva ogni ulteriore crescita.

Racconta Eugenio Fortunio, COO dell’istituto: «Abbiamo sentito l’esigenza di una soluzione in grado di ridurre i costi per ogni singola filiale e aumentare il valore del servizio fornendo competenze centralizzate. Grazie alla tecnologia virtual-communication-point, i clienti comunicano mediante video-chat con i nostri esperti della sede principale, mentre i nostri dipendenti possono collaborare tra loro e condividere informazioni in maniera rapida. Utilizzando questa soluzione non è più necessario che vi sia un esperto in ogni filiale e i tempi di risposta sono ottimizzati. Inoltre, ora possiamo concentrarci sulla nostra crescita».

Continue reading