Enrica Governi Author

Design vibrazionali di biogeometria estetica con Harmonic Shapes per una nuova “experience” d’arredo

60

Written by:

Harmonic Shapes è una nuova realtà nel mondo del design e dell’architettura che offre a chi disegna e a chi vive gli spazi una nuova visione che unisce estetica e benessere. Il brand si basa sull’armonia delle forme geometriche utilizzateper creare texture di design da applicare ad ambienti interni e a elementi di arredo, un’idea innovativa che sfrutta la geometria e i suoi principi per rendere ogni spazio un luogo di benessere.

Le prime applicazioni di Harmonic Shapes si basano su design vibrazionali di Biogeometria, una scienza che utilizza il linguaggio della natura per riequilibrare le energie, esaltandone le forme geometriche, i colori, i suoni e il movimento. I principi racchiusi nelle forme Biogeometriche, riscoperti in anni di studi effettuati da esperti e ricercatori in campo medico-scientifico, sono in grado di creare un ambiente energetico ottimale e benefico in ogni spazio in cui si trovano, motivo per cui Harmonic Shapes ha deciso di partire proprio da qui, con l’obiettivo futuro di ampliare la propria visione nel tempo, verso nuovi orizzonti del design e utilizzando l’armonia geometrica in ogni suo aspetto.

Le forme Biogeometriche utilizzate in questa prima collezione sono state date in uso ad Harmonic Shapes per il settore design. Queste sono state sviluppate e brevettate alla fine degli anni ’60 dal Dottor Ibrahim Karim, scienziato egiziano, laureato in architettura ingegneristica al prestigioso Federal Institute of Technology di Zurigo e consulente di design nel settore turistico. Le forme possono essere bi o tridimensionali e sono appositamente progettate per interagire con i campi magnetici e produrre effetti di bilanciamento dell’energie intorno a noi. Per la loro applicazione vengono utilizzati esclusivamente i migliori materiali e tecnologie, che garantiscono, in ogni caso, la libertà di personalizzazione sia nelle dimensioni sia dei colori.

L’ing. Arch. Karim Ibrahim intervistato afferma “la Biogeometria usa l’effetto energetico delle forme sull’ambiente circostante per creare la stessa speciale energia che si trovava, in passato, nei luoghi sacri. Inoltre, la Biogeometria, riporta il processo di formazione della natura nel design per connettere gli oggetti (di design) con la forza vitale naturale rendendoli parte integrante dei sistemi viventi della natura”.

Grazie ad Harmonic Shapes, il design acquisisce nuove forme e dimensioni con linee, angoli, colori e movimenti tipici della geometria, utilizzati per bilanciare la qualità della nostra energia anche in passato nell’arte, nelle statue, negli amuleti e in molti altri campi della vita. Infatti, anche se non ne siamo perfettamente coscienti, tra noi e lo spazio che abitiamo si creano scambi di energie che concorrono a determinare il nostro benessere psicofisico. Un benessere che può essere in parte danneggiato, per esempio, da cavi elettrici e apparecchi elettronici che generano campi energetici tipici della geopatia dagli effetti potenzialmente dannosi.

È qui che si esprime la creatività e l’innovazione del brand Harmonic Shapes il quale, utilizzando 4 diversi modelli di forme Biogeometriche impreziosisce materiali come marmo, pietre naturali, vetrite, legno, vinile e fibra di vetro, ceramica, pellicola ecologica e tela pittorica che arredano gli spazi con armonia e con stile, donando equilibrio mentale ed energia fisica.

Federica Caimi, General Manager di Harmonic Shapes, racconta come è avvenuto l’incontro tra Harmonic Shapes e la Biogeometria:

“Sono sempre stata molto interessata alle energie, alle onde e alle geometrie che circondano la terra e influiscono sul benessere delle persone. Per questo, nel 2017, ho deciso di partecipare ai corsi di Biogeometria al Cairo e a Ginevra e, nel 2019, mi sono diplomata in Biogeometry Enviromental Home Solutions insieme a mio padre, co-founder e art director di Harmonic Shapes. Da qui è nata l’idea di utilizzare la Biogeometria per le prime applicazioni di Harmonic Shapes. Grazie al bellissimo rapporto stretto con il Dott. Ibrahim Karim, abbiamo deciso di dare vita a forme di design fondate sull’armonia geometrica e sull’equilibrio energetico, in grado di rendere ogni spazio un luogo di benessere, utilizzando materiali di qualità e tecnologie certificate.

Harmonic Shapes, per la fornitura e la lavorazione dei diversi materiali sui quali vengono applicate queste particolari ed uniche texture, ha selezionato come propri partner aziende che rappresentano un’eccellenza nel loro settore, come Antolini, Cadorin, Inkiostro Bianco, Petra Antiqua, Sicis, Technolam, 3M.

Condividi:

Continue reading

All’Hilton Molino Stucky menu esclusivi e fuochi d’artificio per Natale e Capodanno

65

Written by:

Hilton Molino Stucky a Venezia sulle rive dell’isola della Giudecca, con la tradizionale cerimonia di accensione delle luci di Natale l’8 dicembre dara’ il via alle prossime feste natalizie, che si concluderanno il 9 gennaio 2022.

A partire dal 19 dicembre al Rialto Bar & Restaurant sarà possibile gustare quello che offre il  Carrello dei Dolci, tra cui il panettone artigianale, la torta di mele & cannella e molto altro, mentre allo Skyline Rooftop Bar -il punto più alto di Venezia da cui si gode un panorama mozzafiato sulla Serenissima- si potranno gustare i cocktail caldi invernali ideati dal barman Gabriele Cusimano. Dal 20 al 24 dicembre invece la lobby si animerà di un magico mercatino con prodotti creati dagli artigiani locali. I festeggiamenti entrano nel vivo il 25 dicembre,, con i menù speciali dell’Executive Chef Luca Nania. Per la vigilia, il 24, è irrinunciabile la cena all’Aromi Restaurant, con piatti gustosi come il polpo croccante e crema di patate viola con acciuga del cantabrico, e il raviolo del Plin ripieno con scampo, servito con brodo dashi affumicato.

Il 25 dicembre, all’Aromi Restaurant, va in scena il pranzo di Natale con il Cube roll argentino scottato con glassa alla salvia seguito da Costata Black Angus con purea di topinambur e funghi morchelle e alla fine il panettone artigianale, reso ancora più prelibato da crema all’arancia e al mascarpone. Trascorso il Natale, si entra nell’atmosfera di Capodanno. All’ Hilton Molino Stucky lo si fa con gli appuntamenti del 27 e del 30 dicembre, rispettivamente con il concerto di musica jazz del duo Mavia’s CarolsSilvia Losappio voce, Ivan Zuccarato pianoforte– e con il Concerto “Natale a New York” con Chiara Luppi.

 Per Capodanno non può mancare la cena di gala al Ristorante Aromi, dove lo chef Luca Nania propone, tra l’altro, i Tortelli ripieni di gambero viola con riduzione di crostacei e noce di capasanta piastrata e il Merluzzo nero affumicato con rafano abbrustolito e con crema di aneto. Per chi invece desidera un appuntamento più casual il Ristorante Il Molino propone un ricco buffet  con Maltagliati al ragù di cinghiale e ricotta salata e la faraona in umido con salsa leggera.

A mezzanotte sulla Terrazza del Rooftop, il cielo si illuminera’ con un tripudio di fuochi d’artificio accompagnati da un dj set . Dopo una notte di festeggiamenti, per il primo dell’anno potrete gustare il brunch al Ristorante Aromi.

 Il Molino Stucky ha preparato un programma speciale per i bambini, che comprende il Kid’s Club, – disponibile 4 ore al giorno – con giochi, attività, laboratori e molto altro e il 24 dicembre per I più piccoli si terrà la Cookie Making Class, una lezione di cucina al Molino Restaurant per imparare a preparare i biscotti delle feste,  il 25 dicembre e il 6 gennaio, apparira’ inoltre la figura del Babbo Natale nella lobby dell’Hotel e quella della Befana il 6 gennaio, che lascerà tante caramelle e dolcetti a volontà.

Per il meritato relax c’è  l’Eforea spa dell’Hilton Molino Stucky, dove scoprire i benefici del  detox corpo, del rituale purificante viso o di altri trattamenti  per un perfetto equilibrio e una bellezza radiosa e naturale.

Condividi:

Continue reading

The bar at Ralph Lauren apre a Milano nel nuovo flagship store di via della Spiga 5

100

Written by:

Ralph Lauren apre la sua prima esperienza di hospitality  in Italia nel suo nuovo flagship store a Milano offrendo un’esperienza americana unica nel panorama milanese. The bar at Ralph Lauren è situato al piano terra , è uno spazio caldo e intimo, con un carattere di inizio secolo, che si affaccia direttamente sul cortile interno, con giardino.

Gli interni sono composti da divanetti in cuoio, un bancone in marmo con dettagli in ottone lucidati a mano, pannelli di legno scuro, e una collezione di dipinti e fotografie. Sotto un pergolato coperto di viti, la zona pranzo  in giardino è caratterizzata da pietra calcarea anticata, terracotta invecchiata, divanetti in ghisa e poltrone in vimini che completano il lussureggiante paesaggio residenziale.

Questo nuovo spazio rappresenta un’offerta di piatti della cucina americana ispirata a piatti come il classico hamburger e gli iconici mini lobster rolls, oltre a cocktail d’autore come il Ridgway margarita, il Manhattan, o un Old fashioned che  completano il menu stagionale.

Il bar sarà aperto tutto il giorno, servirà caffe e patisserie al mattino, un pranzo leggero e aperitivi.

Questo in aggiunta al portfolio di hospitality  di Ralph Lauren, che comprende ristoranti a New York, Parigi, Chicago nonché caffetterie in tutto il mondo.

Condividi:

Continue reading

Venini crea Danza del Mare simbolo della Fondazione MSC per la protezione del mare

79

Written by:

Danza del Mare, scultura creata da Venini che quest’anno festeggia il suo 100° anniversario  simboleggia la dedizione della Fondazione MSC alla protezione e alla promozione dell’ambiente naturale di cui facciamo parte, il nostro pianeta blu.

Progettata da Monica Guggisberg e Philip Baldwin per MSC Seashore, l’opera s’arte è visibile al Centro Fondazione MSC, salendo dal ponte 5 al ponte 8, illuminata da un faretto posto alla base e circondata da una parete a specchio che riflette, moltiplicandola la luce e i colori che emanano.

“In cento anni di storia e passione, Venini ha conservato e interpretato un patrimonio artistico unico, che affonda le sue radici nella cultura veneziana del XIII ,secolo, creando opere distintive che uniscono la profonda conoscenza della tradizione al fascino dei gusti contemporanei.

Venini è orgogliosa di aver contribuito con la sua esperienza e maestria alla creazione di questa scultura unica che celebra l’ambiente e le sue creature”.

Silvia Damiani – Presidente di VENINI e Vicepresidente del Gruppo DAMIANI

 “La nostra visione è quella di ripristinare l’equilibrio critico tra le persone e la natura entro una generazione, concentrandoci sulla protezione ambientale, in particolare degli ecosistemi acquatici e marini. Venini e la Fondazione MSC condividono un profondo amore per il mare e l’impegno reciproco per la sua protezione.

Daniela Picco – Direttore Esecutivo della Fondazione MSC

Il Team Venini ha sostenuto lo sviluppo ingegneristico e tecnico di questa colossale installazione di 12 metri di altezza e 3 metri di diametro. 

  • Ogni pesce e sfera di vetro è una creazione unica, soffiata e realizzata a mano in ogni sua parte.
  • Più di 190 pesci di tre diversi colori – rosso, giallo e ametista – e tre misure (32, 38 e 42 cm), nuotano in una spirale, raggruppati per colore, ad evocare i colori scintillanti dell’acqua e del mare.
  • 10 cavi verticali e un faretto rivolto verso l’alto.

Il design utilizza il magico mezzo del vetro per esprimere la fluidità dei mari e tutto ciò che contengono: animali, vegetali e minerali, coralli, pesci, alghe e ossigeno. L’immensa profondità ed estensione del mare, che copre il 71% della superficie del nostro pianeta, è racchiusa nell’immaginario della scultura, nella sua imponenza e nella densità del suo contenuto, come se fosse il mare stesso, in un prisma svettante di componenti carichi e in movimento. Un’immagine, in parte dei polmoni della Terra, in parte del nutrimento della Terra e in parte di semplice bellezza, a simboleggiare il ruolo indispensabile del mare per il benessere nostro e del nostro pianeta. Noi ne siamo dipendenti. Esso non dipende da noi.

E ancora. Nella sua fragilità, la scultura esprime anche la fragilità del suo soggetto, il grado in cui tutti gli ecosistemi esistono in un delicato equilibrio, che deve – per la nostra e la loro salute – essere rispettato, mantenuto e nutrito. Questo è il profondo messaggio di fondo di quest’opera d’arte, che ricorda e ispira tutti noi a trattare l’acqua e la sua vita brulicante con il massimo rispetto e onore. Data la bellezza e l’abbondanza di tutto ciò che offre, come possiamo non farlo?

MSC Seashore sarà la sede perfetta per la scultura, che porta il suo messaggio di difesa del mare a migliaia di viaggiatori mentre la nave solca  gli oceani e i mari del pianeta,

Condividi:

Continue reading

Thanksgiving Day all’Uliveto Restaurant del Rome Cavalieri a Waldorf Astoria Hotel

125

Written by:

Imperdibile l’appuntamento all’Uliveto Restaurant del Rome Cavalieri, a Waldorf Astoria Hotel, il 25 novembre, dove si festeggia il Thanksgiving Day o “Giorno del Ringraziamento”, la tradizionale ricorrenza americana. 

Un appuntamento dedicato non solo agli anglosassoni, ma anche ai romani o non romani che vogliano provare l’esperienza di una  vera e proprio cena Thanksgiving.

Una cena animata da live stations in cui gli chef preparano dal vivo i piatti per gli ospiti con un menù speciale elaborato dall’ottimo chef Fabio Boschero.

Accanto al classico tacchino ripieno, troviamo un tripudio di pietanze, tra cui la Zuppa di vongole veraci del New England, la Vellutata di zucca con crostini allo sciroppo d’acero, le Pannocchie al vapore con burro salato, fagiolini e bacon, l’Insalata mista di verdure con salsa Thousand Island e molto altro. Per finire in bellezza, la NY cheescake, Crumble di mele, e la torta alla zucca del Pastry Chef Dario Nuti.

Per chi invece vuole festeggiare a casa, è disponibile la versione delivery con la BOX Thanksgiving, attiva oggi sul sito www.cosaporto.com.

Una box speciale piena di  prelibatezze tra cui la Zuppa del New England con vongole, patate e bacon, il Tacchino della tradizione con cavoletti di bruxelles soffice di patate americane e castagne al burro, e per concludere una Mignon selection di dolci a tema.

Info:

Cena, 25 novembre dalle 19:00 alle 23:00

Condividi:

Continue reading

Aleph Rome Hotel lancia Carmine Buonanno e con lui piatti inediti allo Sky Blu Restaurant

109

Written by:

L’Aleph Rome Hotel chiude la stagione dei Bites & Bar a bordo piscina sulla Sky Blu Terrace protesa sullo skyline della Città Eterna e sposta le esperienze gourmet all’interno, allo Sky Blu Restaurant.

L’Executive chef Carmine Buonanno presenta un nuovo menu legato ad una serie di appuntamenti tematici.

Carmine approda al ristorante due stelle Michelin Don Alfonso nella cucina di Alfonso Iaccarino, dove scopre il perfetto equilibrio tra eccellenza ed estetica dei piatti, e dopo altre esperienze in ristoranti stellati diventa Executive Chef del Gran Melia Villa Agrippina di Roma. E’ appena approdato  nelle cucine dell’Aleph, portando il suo bagaglio di esperienza e soprattutto l’amore per le materie prime e i sapori capaci di evocare antiche emozioni.

Il focus dello Chef  è legato alla sua formazione mediterranea, alla sua città d’origine Benevento, con influenze tradizionali romane,  unite alla passione profusa nella costante ricerca di piatti eccellenti e allo stesso tempo contemporanei legati al territorio. Il menu invernale prevede la “Variazione di coniglio con castagne e melograno”, “carpione di ricciola, pistacchio e gelee di sedano e cardamomo”, per gli antipasti, “tortelli di genovese di manzo con salsa mozzarella e riduzione di aglianico” e il “pacchero di Gragnano con stracciatella e polvere di dragoncello”, come primi piatti. E poi, “filetto di manzo come un saltimbocca alla romana” e “il baccala cavolfiori e lattuga di mare” riguardo ai secondi, e per finire come dessert “il limone yuzu e tea matcha” o la “rivisitazione della ricotta e visciola” .

Nell’arco della stagione fredda sono previsti menu speciali a disposizione dei clienti per un periodo limitato, di cui il primo protagonista sarà il tartufo, di scena dal 16 al 21 novembre. Gli ospiti potranno liberamente comporre la loro cena ideale, scegliendo all’interno del menu permanente e del menu tematico la combinazione di piatti a loro più congeniali.

Da non dimenticare il  Tea Time all’Onyx Bar, per un momento di relax riscaldati da una tazza di tea accompagnato da bocconcini gourmet dolci e salati.

Condividi:

Continue reading

Prada, il ritorno di capi ed accessori in paillettes per l’inverno

90

Written by:

Da Prada, per l’ A/I 2021 la creatività va di pari passo con l’eccellenza e il  made in italy. In vetrina, nella boutique in galleria Vittorio Emanuele a Milano, cappotti dppiopetto dalle linee essenziali, borse e stivaletti in scintillanti paillettes nere giganti. Un revival in qualche modo riferito ai mitici anni ’70, per serate ed occasioni speciali  che ci faranno apparire ancora più “luminose”.

Prada ha creato anche una capsule collection, completamente in paillettes.

Condividi:

Continue reading

Campus, digitalizzazione del futuro per bambini, tra didattica e divertimento

114

Written by:

Apre a Roma il 28 ottobre la prima sede di Campus, un progetto R-Store,  realtà innovativa pensata a misura di bambini e ragazzi, con contenuti a cavallo tra attività ludiche e didattiche. Imparare giocando è un buon metodo,  le materie sono robotica, elettronica, coding e realtà virtuale, quindi  lo scopo è trasmettere una autentica competenza digitale con un linguaggio idoneo ad utenti dai 6 ai 14 anni.

I più giovani, pur essendo nati in piena era digitale, tendono a fare un uso passivo della tecnologia, senza la consapevolezza che l’elettronica può dare in termini di creatività, problem solving, sviluppo della logica.

Il Campus li guida nel superare questo approccio superficiale, dando competenze ma soprattutto fornendo gli strumenti per un ragionamento logico e profondo, e al tempo stesso sensibilizzando e stimolando su temi sociali e reali.

L’ambiente stesso del Campus è accattivante e stimolante, infatti i bambini entrano in un’aula a forma di astronave e iniziano il loro viaggio didattico: i formatori presentano loro una problematica, dando un’informazione teorica e lasciano i giovani allievi liberi di trovare una soluzione. Il loro ruolo è attivo, ricevono uno spunto e immediatamente lo mettono in pratica.

Una didattica unica nel suo genere, perché non fa uso di kit preimpostati, ma crea attività nuove su argomenti specifici, mirate non solo a sviluppare le capacità logiche, cognitive e creative, ma anche a sensibilizzare su temi importanti come la sostenibilità, l’energia, la smart city oltre a trasferire competenze per analizzare, sperimentare e formulare soluzioni applicabili con la tecnologia.

Questa filosofia prevede che il bambino venga lasciato libero di pensare, provare, sbagliare, creare ed inventare, sviluppando non solo le Digital Skills – le abilità già presenti nei nativi digitali – ma anche un approccio mentale rivolto al ragionamento logico ed al problem solving.

Le tecnologie e l’uso degli strumenti tecnologici sono stati suddivisi in moduli, per dare una panoramica completa all’allievo, che diventa un “piccolo inventore” e viene condotto in un percorso che lo porterà a saper utilizzare le varie tecnologie in modo consapevole e creativo.

Si crea un oggetto e lo si programma elettronicamente, facendo uso di IPad, di programmi Apple e di app ottimizzate per l’utilizzo su queste apparecchiature.

Un esempio per tutti, “Luna Park” il corso in cui con l’uso di un kit di componenti e dispositivi elettronici si dovrà simulare il funzionamento di diverse giostre: ogni lezione prevede la costruzione e la programmazione di una giostra, e l’obiettivo è spiegare in modo semplice come funziona dal punto di vista fisico, meccanico ed elettronico.

Il percorso non forma utilizzatori passivi, ma sviluppa personalità creative e attive, che saranno in grado di utilizzare le competenze acquisite per utilizzare i dispositivi elettronici inventando essi stessi nuovi giochi e nuove attività. Allo stesso tempo l’attività didattica stimola alla riflessione su temi reali e attuali, creando anche una forte connessione alla realtà quotidiana, ed evitando così che i ragazzi si rinchiudano in un modo virtuale e spesso falsato.

I corsi, che vanno dai workshop di poche ore al percorso completo annuale, sono suddivisi in moduli ognuno dei quali è studiato per favorire l’apprendimento di una tecnologia attraverso la sperimentazione diretta, il gioco collaborativo e la cooperazione. L’alfabetizzazione informatica, infatti, non è un obiettivo, ma un metodo che permette di potenziare l’apprendimento delle abilità informatiche, ma anche di tutte le discipline e competenze trasversali e i prodotti e la piattaforma offerta da Apple sono gli strumenti di base.

Restando nel mondo della scuola, è prevista la possibilità di organizzare presso il Campus gite scolastiche con focus sulle tematiche Coding e corsi specifici per docenti finalizzati alla certificazione Apple Teacher Program.

La didattica dedicata a bambini e ragazzi è solo l’inizio delle attività del Campus, che inserirà a breve anche corsi specifici riservati a docenti e professionisti.

Qui di seguito una panoramica generale sulla didattica

Livello a per bambini da 6-8 anni: Elettronica base, Coding base, Robotica base

Livello per bambini 8-12 anni: Robotica (Tinkering e storytelling), Coding gamificatio, Realtà Virtuale.

Livello C per bambini 10-14 anni: Grafica e progettazione 2D e 3D, Robotica AI, Drone

Elettronica di base

Obiettivi

Il primo contatto con la tecnologia, il bambino scopre il principio di funzionamento dei dispositivi elettronici che lo circondano. Questo modulo è concepito per renderlo consapevole, capire come sono fatti i dispositivi elettronici, si acquisiscono nozioni di base sul funzionamento dei circuiti elettronici. Analizza e riconosce le varie componenti essenziali per costruire un robot.

Coding base

Obiettivi

Allenare l’intelligenza logico-matematica, spaziale e linguistica. Il bambino apprende le basi per ragionare in modo algoritmico, individuare la soluzione, scomporre il problema ed ordinare la sequenza di passaggi da eseguire. Approccio orientato al problem solving. Attraverso le lezioni apprendono il sistema solare, i mezzi a disposizione per l’esplorazione e alcuni concetti fisici fondamentali

Kit coding unplugged con vari games,

studio per programma scratch JR su IPAD per la realizzazione di storie interattive e piccoli videogames.

Programma Scratch 3.0 per la fascia anni 8-10.

Robotica

Obiettivi

Fornire gli strumenti idonei per comprendere come è fatto un robot, come vengono utilizzati i robot, quali sono le componenti principali, mettere in pratica il ragionamento logico, elaborare un algoritmo risolutivo sotto forma di sequenza orizzontale di istruzioni e farle eseguire da un robot.

Il bambino allena l’Intelligenza logico-matematica, spaziale, corporeo cinestetica.

Strumenti

I bambini utilizzeranno i kit tinkamo/jimu/apitor per realizzare dispositivi robotici. Si utilizzerà tablet IPAD per eseguire la programmazione.

CAMPUS come già detto è un progetto R-Store, azienda di respiro nazionale che da 12 anni rappresenta Apple su territorio in qualità di Apple Premium Reseller. Ad oggi con 35 punti vendita (3 di prossima apertura e un programma di espansione importante) e con circa 300 dipendenti è una delle “BigFour” company su cui ha investito Apple in Italia. L’azienda nata nel 2008 a Napoli è ora presente in 10 regioni e prevede di fatturare circa 200 milioni di euro entro il 2021.

R-Store offre ai propri clienti servizi che vanno dalla vendita dei gioielli di casa Apple, all’assistenza tecnica certificata, all’offerta di soluzioni per la didattica digitale a scuole e università, alle proposte per innovare il modo di fare business per le PMI italiane. Lo sviluppo del progetto Campus sulla formazione online e in store con strutture come quella dell’EUR dedicata alla cultura digitale per bambini e adolescenti nonché per certificare i docenti è l’ultimo tassello dello sviluppo dei servizi offerti da R-Store. Per essere aggiornati sulle attività dell’azienda visitate www.rstore.it o seguiteci sui Facebook, Instagram, LinkedIn e Youtube.

Condividi:

Continue reading

FOUR SEASONS HOTEL MILANO IN PARTNERSHIP CON JIMMY CHOO PER l’AFTERNOON TEA

182

Written by:

 

Jimmy Choo crea una edizione speciale dell’afternoon tea al Bar Stilla del Four Season, l’iconico Hotel di Via del Gesù, nel quadrilatero della moda a Milano.

L’afternoon tea prende ispirazione dalla collezione permanente Core e da modelli iconici di Jimmy Choo, e verrà servito dal 14 ottobre al 4 novembre 2021 ogni giovedì dalle 15:00 alle 18:00 al Four Season .

L’Executive Pastry Chef dell’hotel, Daniele Bonzi, ha interpretato modelli iconici di Jimmy Choo come la torta alla vaniglia cloud, la torta al cioccolato madeline bag e la riproduzione della pump saresa. Dettagli iconici di perle, cristalli ed il monogramma JC decorano le squisite proposte del Pastry Chef accanto a finger sandwich, tartellette alla frutta e una selezione di varietà di tè, champagne e un cocktail.JIMMY CHOO:
Jimmy Choo è uno dei maggiori brand del lusso internazionali con un netto senso del glamour e uno spirito giocosamente audace. Celebre per i modelli avanguardistici e spavaldi e l’eccezionale artigianalità, Jimmy Choo è diventato un pioniere nell’arte del vestire le celebrity e dei modelli da red-carpet. Le calzature da donna rimangono il fulcro dell’offerta prodotto, assieme a borse, piccola pelletteria, sciarpe, occhiali da sole, occhiali, cinture, fragranze e calzature da uomo. La CEO Hannah Colman e la Direttrice Creativa Sandra Choi condividono la visione di creare uno dei brand del lusso internazionali più ambiti. Jimmy Choo ha una rete di punti vendita globale di oltre 200 boutique ed è presente nei grandi magazzini e negozi specializzati più prestigiosi del mondo. Jimmy Choo fa parte del Gruppo internazionale di moda di lusso Capri Holdings Limited, quotaoto alla Borsa di New York con il ticker CPRI.

Per quanto riguarda il Four Season, San Domenico Palace è l’ultima dimora storica a rinascere, affiancandosi alle proprietà gemelle di Milano e Firenze,  come esperienza iconica targata Four Seasons. L’hotel Four Seasons di Milano è nel Quadrilatero della Moda di Milano, mentre l’hotel Four Seasons di Firenze è un palazzo rinascimentale che vanta il giardino privato più grande della città. Per un moderno Grand Tour italiano, Four Seasons attualmente offre From Italy with Love, per cui gli ospiti ricevono un credito di EUR 85 da spendere in spa o presso bar e ristoranti della struttura con un minimo di due notti presso ognuno dei due Four Seasons della collezione (quattro notti consecutive). L’offerta è valida fino a novembre 2021. Four Seasons  annuncia il progetto di sviluppare la quarta proprietà della sua crescente collezione italiana, un nuovo resort sul mare sulla costa adriatica della Puglia, vicino ad Ostuni.

Condividi:

Continue reading

RAINDROPS – boris pink edition by Doria 1905, per la ricerca contro il tumore al seno

183

Written by:

Doria1905 Pink Edition for LILT Doria 1905 partecipa alla campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del cancro al seno con la creazione di uno speciale modello dedicato, prodotto in rosa, in omaggio al colore simbolo del “Pink Month”. Il Pink Month è ormai un appuntamento universalmente riconosciuto, che culmina con la Giornata Internazionale contro il cancro al seno, il 19 ottobre. Durante il mese “rosa” saranno innumerevoli le iniziative charity per finanziare la ricerca, e, con la sensibilità per la salute e l’ambiente che contraddistingue il brand salentino, Doria 1905 ha creato per questo importante appuntamento un cappello a sostegno della LILT Milano Monza Brianza. RAINDROPS – boris pink edition by Doria 1905, è un cappello femminile nell’immagine, ma allo stesso tempo genderless nella forma. Viene realizzato con il tessuto del mitico bomber dell’aviazione d’inizio ‘900 e cult jacket dei look anni ’80, in una speciale nuance Parfait Pink (cit. Pantone). Questo materiale veste l’iconico pezzo della linea “RainDrops” di Doria 1905, il bucket Boris. E’ un capo tecnico che protegge dalle gocce di pioggia, dal vento e dal freddo grazie alla fodera in mesh, che diventa rosa. Catturando le molteplici sfumature della luce, dona particolare luce al viso ed è portabile da tutti. Il nastro interno, in un elastico molto soft al tatto, rende la calzata perfetta ed incrementa la tenuta del cappello al giro testa. Il laccio sottogola, oltre alla funzione pratica, è un dettaglio top, quasi un vezzo. Lo speciale Bucket Hat RAINDROPS sarà indossato da alcune selezionate influencer, che contribuiranno a promuovere l’iniziativa sulle piattaforme social. Verrà esposto inoltre in occasione del Press Day Doria 1905, che si svolgerà nella nuova Showroom di Milano in Via Santa Maria alla Porta n. 9. L’intero incasso derivante dalla vendita di ciascun cappello dedicato all’iniziativa sarà devoluto all’Associazione LILT. RAINDROPS potrà essere acquistato online, al sito www.doria1905.com , oppure nella boutique monomarca Doria 1905 di Bologna al prezzo di € 150,00 a partire dal 12/10/2021.

Condividi:

Continue reading