Fran Bull si racconta

310

AvatarWritten by:

È una delle più importanti interpreti della contemporary art internazionale. Fran Bull, pittrice e scultrice ma anche scrittrice americana, dopo essersi cimentata nel fotorealismo ha aderito, negli anni ’80, al neoespressionismo astratto, diventandone protagonista assoluta. Le sue opere sono esposte a uno dei più importanti musei di arte moderna e contemporanea del mondo, il Moma di New York.

Anche in Europa, in questi ultimi anni, è stata la ribalta con prestigiose mostre in spazi pubblici presso, ad esempio, la Biennale di Venezia (Padiglione Armenia), La Fabbrica del Vapore del Comune di Milano e la Biennale di Arte Sacra di Mentone. Qui di seguito l’artista racconta alcuni momenti della sua vita.

“Ricordo di essermi seduta su un treno per pendolari, da Setauket, Long Island, a New York. Avevo vent’anni, ero una persona con molti interessi, vivevo chiedendomi cosa avrei fatto della mia vita. Mentre il presagio scorreva, sentii un grande cambiamento in me. Gli dei del destino e delle decisioni erano saliti su quel treno e quando arrivai a New York, avevo capito: avrei dedicato la mia vita all’arte. Del resto, sono cresciuta nel New Jersey, i miei sabati e le mie estati li ho passati al museo di Newark. Noi bambini, che prendevamo lezioni, attingevamo alla natura e realizzavamo le nostre opere su ogni mezzo. Immettevamo concorsi con animali e cartapesta e con costumi ispirati alle mostre del museo. A dieci anni mi sono immaginata di essere un’artista “moderno” e ho emulato l’arte di Joseph Stella, i cui lavori sono esposti anche oggi a Newark”.

Condividi:

Last modified: 28 Dicembre 2019

Comments are closed.